GP Ungheria F1 2014, Grosjean sogna la McLaren

Formula 1 news: A Budapest, in attesa del week end del Gran premio d'Ungheria, largo alle indiscrezioni sul mercato piloti e il rientro del Messico in calendario della F1 2014

da , il

    Il mercato piloti e le voci che si rincorrono sui cambi di tuta in vista del 2015 animano il giovedì del Gran premio d’Ungheria a Budapest. Gran parte dei giochi si faranno sulle scelte che verranno operate in McLaren, dove Magnussen ha un contratto valido fino al termine del 2014 con opzione per il rinnovo, mentre Button ancora non è chiaro se proseguirà o lascerà Woking.

    Tra i piloti che realisticamente potrebbero arrivare c’è Romain Grosjean, grazie anche allo “sponsor” Eric Boullier. Il francese aveva chiuso il 2013 in un crescendo convincente, prima di imbattersi nella stagione disastrosa della Lotus quest’anno, con l’exploit di Barcellona unica perla finora. «Si pensa sempre al futuro, è naturale. Non è un segreto che io voglia vincere delle gare e lo voglia fare molto presto, considereremo le opportunità», dice Romain, mostrandosi possibilista. Per seguire il LIVE della gara dall’Ungheria, BASTA CLICCARE QUI!

    [sondaggio id="447"]

    «Senz’altro l’arrivo della Honda in McLaren è interessante, vogliono fare le cose bene: ci sono tanti team in cui mi piacerebbe andare, c’è la Ferrari, c’è la Mercedes…». Amplia il novero quasi a voler annacquare quell’obiettivo numero 1.

    Restando in Lotus, Pastor Maldonado si dice tranquillo e con un contratto già in tasca per il prossimo anno: «Sono già stato confermato per il 2015, è positivo. Sto spingendo per migliorare le mie prestazioni, gran parte dei problemi della macchina sono legati all’affidabilità e ci siamo ritirati spesso, il che non è ideale quando devi recuperare. La direzione che abbiamo intrapreso mi sembra positiva».

    Poi dice la sua sulle voci di mercato: «Ho sentito diverse cose, io sono impegnato sul mio futuro e il team è competitivo, ha la forza di poter cambiare questo periodo negativo. Ci saranno cambiamenti, non so se sui piloti: si sentono sempre voci, ma fino al termine della stagione non sapremo».

    Perez festeggia il ritorno del Messico

    Oltre al mercato piloti, si è parlato anche della new entry in calendario, il Gran premio del Messico 2015 ha raggiunto l’accordo per organizzare una gara a Città del Messico, sul circuito Hermanos Rodriguez che verrà profondamente modificato per adeguarsi alle esigenze di sicurezza della Formula 1 moderna.

    «E’ grandioso tornare, da quando ho lasciato il Messico quando avevo 13-14 anni non ho mai potuto correre in casa. Stanno spingendo per una gara sin da quando sono arrivato in Formula 1, tutti resterete sorpresi di come sarà caloroso questo evento. Il circuito è piuttosto vecchio, ci sono cose da fare, hanno già iniziato e sarà fantastico», commenta Sergio Perez, che al pari di Gutierrez ha visto la propria carriera sostenuta economicamente da Carlos Slim, presente attraverso il figlio nell’organizzazione della corsa messicana.

    Tra gli ostacoli che hanno impedito l’arrivo in calendario già lo scorso anno, i lavori di adeguamento al vecchio circuito che per l’ultima volta ha visto correre le Formula 1 nel 1992. «Sarà tutto risolto, l’anno scorso c’era una situazione difficile per quel che riguardava la tempistica degli interventi da fare. Stanno già lavorando sul circuito e senz’altro ci andremo».

    Fabiano Polimeni