GP Ungheria F1 2015: Red Bull sugli scudi, Williams in difficoltà

Nelle qualifiche del Gran Premio d'Ungheria arretra la Williams, fa un passo avanti la Red Bull. Entrambi, prevedibili. Le parole dei piloti e le aspettative per la gara.

da , il

    Sulla carta, alla vigilia, era una prestazione prevedibile. Il quarto posto di Ricciardo nelle qualifiche del Gran Premio d’Ungheria, a un nulla da Sebastian Vettel, certifica quanto la Red Bull, così come a Montecarlo, possa puntare a uno dei risultati migliori della stagione all’Hungaroring. Questione di telaio, di carico aerodinamico, di motore (che non conta). «Sono andato molto vicino a Seb, sono contento del mio giro, ho fatto il massimo ed è stata una buona qualifica in Q1, Q2 e Q3. Nella Q1 mi sentivo a mio agio con le gomme medie, per questo non ho usato le morbide, che torneranno utili domani se faremo due soste. Spero di prendere un bel podio domani, niente è impossibile, servirà un po’ di fortuna per ripetere il risultato dell’anno scorso, ma sarei molto soddisfatto anche di un podio», dice senza paura di esporsi. Per seguire il LIVE della gara in diretta dall’Ungheria, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole dei protagonisti

    Così com’era prevedibile il risultato Red Bull, altrettanto lo erano le difficoltà della Williams. Non così male come nel Principato, pista che tradizionalmente viene avvicinata a quella di Budapest per le sue caratteristiche tortuose e da massimo carico aerodinamico, esigente sulla motricità e la reattività della monoposto. «Sì, siamo un po’ in difficoltà qui, ma almeno non siamo dov’eravamo a Montecarlo, dov’è stato un incubo. Domani potremo prendere ancora dei buoni punti, magari non come Silverstone o Montreal. Fa molto caldo e in più non abbiamo trovato il bilanciamento perfetto con la macchina di Felipe, forse è andata un po’ meglio con Valtteri. Sarà una gara difficile, ma dobbiamo limitare i danni, se la macchina è buona per fare sesto o settimo, quello è il risultato che dovremo portare a casa», commenta Rob Smedley.

    | LEGGI ANCHE: QUALIFICHE. HAMILTON INARRIVABILE, BENE VETTEL | FERRARI, IN GRIGLIA SUL LATO PULITO | HAMILTON: UNA PISTA CHE MI RICORDA I KART |

    Massa che fa solo l’ottavo tempo, rimediando 3 decimi da Bottas: «Una qualifica totalmente diversa da Silverstone, non possiamo abbassare la testa, dobbiamo alzarla ancora e provare a fare il massimo domani. Le Red Bull sono su un circuito ideale per loro, lo stesso – ma sul versante negativo – per noi: c’è ancora tanto da fare, speriamo succedano tante cose buone».

    Sentendo Bottas, si ha la misura di come, di più, la Williams non potesse ambire a fare: «Oggi per noi questo era il massimo, semplicemente non eravamo abbastanza veloci, tutti molto vicini ma ci mancava il passo per essere più su in classifica. Dobbiamo continuare a sviluppare la macchina e concentrarci su domani. Siamo molto vicini sul passo gara a Ferrari e Red Bull, il problema è che qui è difficile superare, proveremo il possibile».