GP Ungheria F1 2016, Ferrari indietro. Vettel: “Potevo stare tra i primi tre”

Una sessione complessa non premia le Rosse. Raikkonen paga un errore di timing, Vettel trova traffico nel finale

da , il

    GP Ungheria F1 2016, Ferrari indietro. Vettel: “Potevo stare tra i primi tre”

    Non vale quanto dicono le qualifiche del Gran Premio d’Ungheria 2016, la Ferrari. Vettel solo quinto, Raikkonen 14mo e fuori in Q2, lui che sull’asciutto si era dimostrato sempre competitivo. La pioggia mescola le cose e nel segmento centrale della qualifica paga il non aver potuto sfruttare la pista via via sempre più asciutta. Un errore di timing della scuderia, riconosce Maurizio Arrivabene: «Ci sono pochi commenti da fare, abbiamo fatto un errore con Kimi. Sebastian era più veloce delle Red Bull, purtroppo con la bandiera gialla non ha potuto completare il giro, poteva andare molto meglio». La Q3, con il testacoda di Alonso, penalizza praticamente tutti (tranne Rosberg, la cui pole è sotto investigazione) e Vettel si trova in terza fila, perlomeno dalla parte pulita della pista. Per seguire la gara del GP Ungheria F1 2016 LIVE in diretta, BASTA CLICCARE QUI!

    «E’ stato un casino… Ovviamente all’inizio è stato difficile, viste le condizioni. Per quanto riguarda la fine, avevamo una prestazione migliore ma sono rimasto bloccato nel traffico. E’ un peccato, la macchina andava bene per essere tra i primi tre, Jenson era davanti e non mi ha dato strada, ne devo parlare con lui. Speriamo di partire bene, la corsa è lunga, il passo c’è anche se non ho messo insieme il giro giusto. A parte questo, domani potrebbe fare caldo e il passo gara è migliore delle qualifiche», analizza Sebastian.

    Qualifiche: Rosberg in pole beffa Hamilton

    Una gara destinata a corrersi sull’asciutto e le strategie avranno un ruolo determinante, anche se per la Pirelli la tattica predominante dovrebbe essere sulle due soste: «In genere non è che si possono fare i miracoli, c’è sempre qualcosa che si può provare, se dovesse emergere l’occasione abbiamo le persone giuste. Eravamo abbastanza forti nelle qualifiche, se avessi messo insieme il giro finale: purtroppo c’è stata la bandiera gialla e ho provato a continuare ma alcuni davanti non si sono spostati. Abbiamo migliorato la macchina e dovremo sfruttare un buon passo gara», ribadisce Vettel.

    Ha perso l’attimo migliore della pista in Q2, Kimi Raikkonen, il crono di 1’25″435 non è stato sufficiente per passare il taglio e si prospetta un Gran Premio d’Ungheria 2016 tutto in salita per lui: «Non sono riuscito a fare l’ultimo giro e questo mi costerà molto domani. E’ la sfortuna, perché la macchina è andata bene per tutto il week end. Sarà difficile domani, non è una pista semplice per i sorpassi, farò del mio meglio. La pista si stava asciugando, ogni giro si velocizzava, purtroppo non siamo passati. I ragazzi hanno lavorato bene, con la pioggia la macchina andava bene. E’ un peccato. Evidentemente il giro non è stato abbastanza buono, ci sono stati momenti difficili, la pista di stava asciugando e sembra sarei potuto andare più veloce», le prime parole a caldo.