GP Ungheria F1 2016, Rosberg e Massa: “Il GP d’Italia va corso assolutamente!”

GP Ungheria F1 2016, Rosberg e Massa: “Il GP d’Italia va corso assolutamente!”

A Budapest, pareri concordi tra i piloti sul futuro della gara, che resti a Monza o passi a Imola

da in Circuito Hungaroring F1, Formula 1 2017, GP Ungheria F1, Interviste Piloti F1, Max Verstappen, Nico Rosberg
Ultimo aggiornamento:
    GP Ungheria F1 2016, Rosberg e Massa: “Il GP d’Italia va corso assolutamente!”

    Il week end del Gran Premio d’Ungheria a Budapest inizia ragionando sulle ultime decisioni della FIA, nuovi provvedimenti sui team radio, chiare istruzioni alle scuderie, che dovranno richiamare il pilota ai box per operare sulla monoposto e risolvere gli eventuali problemi. Nico Rosberg è stato il primo pilota a essere penalizzato per l’infrazione dell’articolo del Regolamento sportivo inasprito dalla direttiva tecnica presentata quest’anno da Charlie Whiting alle scuderie. Legittimo chiedergli cosa ne pensa. «Non ho un’opinione sulle regole, ci sono persone lì apposta per decidere. Meglio così, sarà più impegnativo per noi in pista, il che è positivo, poi c’erano i tifosi che dicevano che eravamo marionette in pista. Posso capire il parere dei fan», ha raccontato in una conferenza stampa che ha lo visto interpellato anche sul tema Gran Premio d’Italia. Per seguire la gara del GP Ungheria F1 2016 LIVE in diretta, BASTA CLICCARE QUI!

    Imola o Monza, è una scelta che i piloti chiaramente non possono fare. Così sono i due più esperti della platea del giovedì, di fronte ai giornalisti, a districarsi con le parole: Nico e Massa. «Il GP d’Italia è una gara leggendaria, dobbiamo correre assolutamente. Entrambe le piste sono belle, Monza è grandiosa», secondo Rosberg. Ancor più “saggio” il commento di Massa: «Anzitutto dobbiamo aspettare e vedere cosa accadrà, se annunceranno qualcosa in modo definitivo. Per il momento non è il caso di parlarne, non sarebbe bello perdere il GP d’Italia, mi piace moltissimo Monza e mi piaceva Imola in passato. L’importante è avere il Gran premio d’Italia, sarebbe tristissimo perderlo».

    Budapest segna il giro di boa del mondiale, un campionato che sembra ristretto a due protagonisti, le due Mercedes. A tal proposito, Rosberg commenta: «E’ un’annata molto buona per me finora, è troppo presto per dire che il mondiale è una gara a due tra me e Hamilton, la strada è molto lunga, Red Bull e Ferrari hanno avuto degli alti e bassi, ma posso capire chi pensa che sia una partita a due». Al di là di tutto, è una partita Rosberg-Hamilton, inutile illudersi.

    C’è poi il tema mercato a tenere ancora banco. Nico rinnoverà con Mercedes, l’annuncio però non c’è ancora. Poi si dovrà capire quale futuro attende Massa. Riuscirà a trovare un accordo ancora con la Williams, dove potrebbe approdare Button nel caso in cui in McLaren decidessero di dare una chance a Vandoorne? «Sono fiducioso, tutti sanno quali risultati posso ottenere, posso portare tanta esperienza.

    Al momento non mi preoccupo più di tanto. Il mio piano-A è restare in un team importante, competitivo come la Williams o magari un altro. Col tempo avremo la risposta», dice Felipe. Prima di tutto, però, vanno migliorate le prestazioni della FW38, in grave ritardo prestazionale nelle ultime gare.
    «Sicuramente è stata una gara molto deludente quella di Silverstone e anche quella dell’Austria. Dobbiamo cercare di capire cosa non ha funzionato e spero davvero di non soffrire più di quei problemi, tornare a punti ed essere competitivi. Questa non è la pista perfetta per noi, stiamo lavorando sodo per rendere la macchina come crediamo debba essere. Abbiamo cercato di sviluppare la macchina quest’anno con molte nuove componenti, dobbiamo cercare di capire quale sia la giusta configurazione, domani proveremo diverse cose e speriamo di arrivare a delle conclusioni».

    Tornando alle prospettive di mercato, non è scontato il futuro di Sergio Perez. Non perché non ci sia la volontà di proseguire con Force India, quanto piuttosto perché il messicano dovrà analizzare quali prospettive hanno gli sponsor che lo supportano e se anche su quel versante ci sarà un accordo con Mallya: «Ho la fortuna di avere vari sponsor alle mie spalle, non decido il mio futuro da solo e devo parlare con il mio gruppo di sponsor. Ci sarà del tempo nella pausa estiva, decideremo allora quale sarà la scelta migliore per la mia carriera. Quel che dice Vijay è esatto, ma molto dipende dai miei sponsor, dovremo decidere insieme cosa fare»

    735

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Hungaroring F1Formula 1 2017GP Ungheria F1Interviste Piloti F1Max VerstappenNico Rosberg
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI