GP Ungheria F1 2017, libere Ferrari. Vettel: “Venerdì altalenante, domani sarà divertente”

Le prove libere del GP d'Ungheria 2017 dicono di una Ferrari ancora da affinare. Meglio le libere 2 delle FP1, le parole di Seb e di Kimi

da , il

    GP Ungheria F1 2017, libere Ferrari. Vettel: “Venerdì altalenante, domani sarà divertente”

    Ferrari in scia alla Red Bull, perlomeno sul giro secco, dopo le prove libere 2 del GP d’Ungheria F1 2017. Vettel chiude a 183 ms da Ricciardo, più staccato Raikkonen, a 3 decimi. Più dei tempi, al venerdì contano le impressioni e con le novità tecniche provate dai due piloti, Raikkonen al pomeriggio, Vettel al mattino, le indicazioni sembrano andare nella direzione di un miglior rendimento con la vecchia versione del fondo.

    La base di partenza c’è, andrà sviluppata vero le prove libere 3, come spiega Vettel. Le difficoltà di aderenza e bilanciamento al mattino erano evidenti, il pomeriggio ha restituito un quadro più lineare.

    «E’ stato un venerdì altalenante. Stamattina non siamo andati benissimo, al pomeriggio siamo riusciti a entrare più nel feeling con la macchina. Difficile dare una lettura della sessione, siamo stati molto vicini a Mercedes e Red Bull, sarà molto divertente domani», spiega. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Ungheria F1 2017 con risultati e classifica.

    Red Bull è la minaccia nuova, specifica del circuito, ma non va dimenticato un Hamilton oggi solo quinto e destinato a ritornare davanti. Vettel concentrato unicamente sul lavoro da compiere in Ferrari stasera e dice: «Se guardiamo noi stessi, dovremo lavorare sulle gomme, sulla guida e trovare il giusto setup e portarla nella giusta finestra. Abbiamo ancora una gara prima di andare in vacanza, dobbiamo fare del nostro meglio e vogliamo vincere». Scendendo nello specifico delle nuove componenti, dice: «Stamattina ho provato il nuovo fondo, tutti i pezzi che abbiamo provato stamani sembrano funzionare bene». Il GP d’Ungheria F1 2017 sarà la cinquantesima gara da pilota Ferrari e, quando gli chiedono quale gara ricordi con più intensità, dice: «Due anni fa, su questa pista, non andò malissimo. Mi ricordo molto bene le vittorie, abbiamo fatto gare interessanti anche quando non abbiamo vinto e speri che la gara della vita sia quella che deve ancora arrivare».

    Da Vettel a Raikkonen, per scoprire un passo gara non molto competitivo con gomma supersoft, distante dai riferimenti marcati da Ricciardo. Una giornata sintetizzata così da Kimi: «Abbiamo cominciato piuttosto bene al mattino, le seconde libere sono state un po’ più difficili, ci sono stati dei particolari che non si sono rivelati ideali e le condizioni non sono state favorevoli, con le due bandiere rosse, e non abbiamo girato quanto avremmo voluto. A parte questo non è andata male».

    Il consueto programma di lavoro del venerdì ha incluso le prove di partenza, momento chiave domenica per recuperare: «Non mi pare che abbiamo provato più del solito la partenza, è molto importante come sempre per guadagnare posizioni, la storia è sempre la stessa, è quel che facciamo a ogni week end. Stamattina abbiamo iniziato abbastanza bene, ci sono ancora un paio di particolari che possiamo migliorare e siamo molto vicini ad altre scuderie».