GP Ungheria F1 2017, qualifiche Mercedes. Bottas: “Ferrari più veloce, va meglio su queste piste”

Mercedes fatica a star vicina alla Ferrari nelle qualifiche del GP d'Ungheria F1 2017. Bottas riconosce del lavoro da fare, Hamilton: 'Una lotta andare a podio'

da , il

    GP Ungheria F1 2017, qualifiche Mercedes. Bottas: “Ferrari più veloce, va meglio su queste piste”

    C’è un dato inconfutabile che emerge dalle qualifiche del GP d’Ungheria F1 2017. Quando la Mercedes non è perfetta, invincibile, Valtteri Bottas riesce a ottenere un risultato migliore di Lewis Hamilton. Si ripete all’Hungaroring, terzo a 254 ms da Vettel, mentre Hamilton paga 431 ms e un errore in Q3 nel primo run che lo obbliga ad abortire il giro.

    Anche nelle libere del venerdì le cose sono andate meglio al pilota finlandese, che riconosce la forza Ferrari su piste da alto carico aerodinamico. Come Montecarlo, anche a Budapest. In prospettiva, la replica dovrebbe arrivare a Singapore.

    «Siamo stati veloci tutto il week end ma sapevamo sarebbe stata dura in qualifica, avevano una macchina più veloce che si addice meglio a questa pista, dovremo fare tanto lavoro su piste con queste caratteristiche. Le nostre prestazioni non sono quelle che avremmo voluto, dobbiamo concentrarci sulla gara, sarà molto lunga e credo tutto sarà possibile». CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Ungheria F1 2017 con risultati e classifica.

    In partenza dovrà giocarsi la miglior occasione di saltare tra le due Ferrari, in staccata alla prima curva e subito dopo in curva 2. Si annuncia un primo giro rovente. Prospettive che cedono in passo all’analisi della prestazione del sabato: «Credo che per tutta la giornata odierna la Ferrari sia stata un po’ troppo veloce. Ci aspettavamo delle qualifiche complicate, siamo riusciti a sfruttare il potenziale della macchina, oggi è stata un po’ una sorpresa e dimostra che dobbiamo ancora lavorare su piste da massimo carico aerodinamico».

    Quanto a Hamilton, spesso nella Q2 e Q3, appena uscito dal box, ha comunicato via radio al muretto delle vibrazioni fastidiose dalle gomme: «Non è stato un problema, quando esci dai box le gomme dovrebbero essere perfette e quando hai una vibrazione diventi matto. Ti deconcentra ma non intacca il tempo, devo convincere i ragazzi a lavorare meglio e trovare un bilanciamento migliore».

    Certo la situazione è di gran lunga migliore rispetto a Monaco, però la sequenza vincente iniziata in Canada sembra destinata a interrompersi domani. «Non ho idea perché le Ferrari siano andate così forte, se siano loro molto forti o noi troppo lenti. Non posso dire molto sul passo, la gara sarà una lotta per entrare nei primi tre».