GP USA Austin F1 2016, libere Ferrari difficili. Vettel e Raikkonen: “Assetto da migliorare”

GP USA Austin F1 2016, libere Ferrari difficili. Vettel e Raikkonen: “Assetto da migliorare”

Tanto lavoro da fare per migliorare la SF16-H in vista delle qualifiche

da in Circuito Austin F1, Formula 1 2017, GP Usa F1, Interviste Piloti F1, Kimi Raikkonen, Prove libere F1, Sebastian Vettel
Ultimo aggiornamento:
    GP USA Austin F1 2016, libere Ferrari difficili. Vettel e Raikkonen: “Assetto da migliorare”

    Non benissimo, dopo due turni di prove libere a Austin. La Ferrari inizia il Gran Premio degli USA 2016 con ancora dei dettagli da perfezionare. La gomma supermorbida non ha funzionato al meglio sul giro singolo e la macchina va migliorata nell’assetto per provare a strappare un posto in seconda fila domani, in qualifica. C’è il tempo per intervenire e ridurre gli 8 decimi che paga Vettel a Rosberg. Raikkonen, di fatto, non ha potuto sfruttare le supersoft per un errore alla penultima curva del giro buono: ha perso il posteriore in ingresso e la decima prestazione è frutto di un tentativo fatto quando oramai la gomma rossa aveva dato il meglio. Non è possibile fare due giri veloci, il degrado è sensibile. Sul passo gara i riscontri non sono stati molto diversi. Non c’è stato il guizzo velocistico di Hamilton e delle Red Bull con le supersoft, mentre le gomme gialle sono state portate a lungo ma senza grandi tempi da Vettel, meglio è andata a Raikkonen. Poco ancora per immaginare una competitività tale da impensierire chi sta davanti.

    E’ schietto Vettel nel commentare la giornata: «E’ stata una giornata dura, a esser sinceri. Stamattina abbiamo avuto problemi con un’aletta che si è staccata e abbiamo perso del tempo, siamo partiti in ritardo, non siamo contenti del bilanciamento e la macchina è troppo nervosa, solitamente venerdì non si vede il quadro complessivo, speriamo di essere più forti domani.

    Abbiamo una possibilità, è ancora venerdì e non è il caso di preoccuparsi troppo. Sappiamo cosa facciamo noi, come detto non abbiamo avuto la miglior giornata, di sicuro la Ferrari vista oggi non è quella che vedremo domani». Fiducioso. Le premesse per fare il cambio di passo ci sono tutte, non è la prima volta quest’anno che dal venerdì al sabato si trova la quadratura del cerchio.

    Prove libere 2, Rosberg detta il ritmo. Ferrari quarta

    Considerazioni allineate quelle di Raikkonen: «E’ stata abbastanza difficile sia la prima che la seconda sessione di prove libere, anche peggio al pomeriggio. Dobbiamo lavorare sull’assetto per renderlo come vogliamo. Le ultime gare abbiamo avuto dei venerdì complicati, anche oggi non siamo partiti nel modo migliore, semplicemente dovremo lavorare sull’assetto per migliorarlo. Dal punto di vista dei tempi, dovrebbero essere simili agli altri week end». Molto simili come gli 8 decimi pagati a Sepang in qualifica, perché i 3 decimi di Suzuka sono figli anche di una Mercedes che ha girato con power unit in configurazione conservativa, mentre a Austin Rosberg si ritrova con la quinta unità, nuova e nel pieno delle potenzialità per qualifiche e gara.

    490

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Austin F1Formula 1 2017GP Usa F1Interviste Piloti F1Kimi RaikkonenProve libere F1Sebastian Vettel
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI