GP USA F1 2012: circuito di Austin in anteprima [VIDEO]

Formula 1: video presentazione del Gran Premio degli Usa 2012 con commenti sul circuito delle Americhe (COTA) ad Austin in Texas

da , il

    gp usa f1 2012 circuito austin anteprima

    Il Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 edizione 2012 sta arrivando. Incredibile ma vero, ad Austin ce l’hanno fatta! La prima volta della massima competizione motoristica in Texas, sarà in grande stile: con un’ultima gara da disputare dopo questa, il titolo mondiale si deciderà, se non interamente, almeno parzialmente, proprio tra le curve del Circuit of the Americas. Altrimenti noto, per gli amici d’oltreoceano abituati agli acronimi, più semplicemente come COTA. Pirelli ha preparato per l’occasione due video di presentazione che raccontano il layout della pista e mettono in luce quali siano le sfide da affrontare dal punto di vista degli pneumatici. Per non sbagliarsi, Paul Hembery ed i suoi uomini hanno deciso di mettere a disposizione dei team le mescole più stabili: P Zero Silver hard e P Zero White medium.

    Pirelli, Hard e Medium negli USA; scelta prudente

    La Pirelli parla di scelta “ragionevolmente prudente” nel commentare gli pneumatici P Zero Silver hard e P Zero White medium portati ad Asutin per il primo Gran Premio degli Stati Uniti disputato sull’inedito Circuito delle Americhe. Per dare la possibilità alle scuderie di prendere maggior confidenza con il nuovo nastro d’asfalto, l’azienda italiana ha previsto un set aggiuntivo di gomme dure da utilizzare nel venerdì di prove libere. “Fare un passo nell’ignoto è una situazione a cui siamo abituati: la scorsa stagione la maggior parte delle piste era completamente nuova per noi - ha rassicurato Paul HemberyAbbiamo scelto le mescole hard e medium perché pensiamo si tratti di una pista molto esigente, sulla base dei campioni di asfalto e dei dati di simulazione che abbiamo ricavato. Naturalmente, ci siamo orientati verso una scelta leggermente più conservativa per coprire ogni possibilità in un circuito completamente nuovo, ma anche la scelta di gomme per Abu Dhabi è stata conservativa e abbiamo assistito ad una delle gare più eccitanti dell’anno”.

    Circuito delle Americhe: video anteprima

    5,515 chilometri da percorrere 56 volte. Questi sono i due numeri più importanti del tracciato che ospiterà il GP degli USA di F1 2012. Il circuito delle Americhe ha un andamento che alterna sezioni veloci, soprattutto nella prima parte, a sezioni più lente e tecniche. La curva 1 presenta ottime possibilità di sorpasso con un particolare tornante in saliscendi. Seguono rapidi cambi di direzione dalla curva 4 alla 6. Qualcuno ha scomodato, senza sbagliarsi troppo, Silverstone e Spa. Si arriva poi ad un lungo rettilineo con una frenata molto importante alla sua conclusione. Da lì in poi, inizia la parte più tecnica con curve più lente dal raggio variabile. Sarà la trazione a farla da padrona. Mark Webber ha dichiarato:“Il circuito di Austin sembra piuttosto veloce: con alcune variazioni di direzione molto veloci, non sempre si trova un sinistra-destra in quinta-sesta marcia. Sembra che abbiano fatto un ottimo lavoro e c’è un sacco di cambi di direzione, il che è importante”. Vista la scelta conservativa delle mescole e l’asfalto non troppo abrasivo, è previsto un solo pit stop come tattica di gara.