GP USA F1 2012, Ferrari: Alonso promuove le novità tecniche

da , il

    GP USA F1 2012, Ferrari: Alonso promuove le novità tecniche

    Fernando Alonso è forse l’unico, almeno a parole, a non essere rimasto impressionato dalla straordinaria dimostrazione di forza messa in pista dalle Red Bull durante le due sessioni di prove libere del venerdì del Gran Premio degli USA di Formula 1 2012. Il pilota della Ferrari ha chiuso sempre al terzo posto accusando, però, distacchi pesanti da Sebastian Vettel. Il tedesco, invece, pur avendo un problema tecnico nel pomeriggio, ha comodamente tenuto a distanza i propri avversari. “Nessuna sorpresa nel vedere le due Red Bull davanti a tutti: nelle ultime gare il loro è stato il pacchetto migliore quindi è un risultato logico. Noi sappiamo quali sono i nostri punti di forza – il lavoro di squadra e l’affidabilità – e lotteremo con le nostre armi“, ha dichiarato l’asso di Oviedo sul sito ufficiale del Cavallino Rampante. Dichiarazioni di ottimismo arrivano anche sul fronte delle novità tecniche portate sul circuito delle Americhe:“Sembrano funzionare”, ha sentenziato Alonso.

    Ferrari, Alonso: “Novità tecniche sembrano funzionare”

    Sia Fernando Alonso che Felipe Massa hanno girato molto nelle prove libere del venerdì. In totale le due Ferrari hanno accumulato la bellezza di 678 chilometri, una distanza superiore a quella di due Gran Premi, senza accusa problemi tecnici. Vista la presenza di un circuito completamente inedito e di interessanti novità tecniche sulle monoposto, era inevitabile che il lavoro fosse intenso. A proposito degli aggiornamenti sulle vetture, lo spagnolo èottimista:“Sembrano funzionare ma dobbiamo ancora approfondire l’analisi dei dati prima di avere una risposta definitiva. Sono contento di questo ma è anche vero che se facciamo dei piccoli passi gara dopo gara e anche gli altri fanno la stessa cosa la distanza rimane invariata”. L’asturiano ha commentato anche il risultato delle prove:“Se mi piacerebbe essere terzo anche domani pomeriggio? Certo, ma oggi è soltanto venerdì e altre volte era già successo di trovarmi in una posizione simile ma poi il sabato altre vetture ci sono state davanti”. Quanto al circuito, lo definisce “una bella sorpresa”:“E’ molto esigente, soprattutto il primo settore che è molto rapido e dove si può davvero sentire l’accelerazione di una monoposto di Formula 1. L’asfalto è molto liscio e senza pori: ricorda molto quello di Portimao, in Portogallo, e, in caso di pioggia, potrebbe trasformarsi in uno specchio.”

    Vettel: “Red Bull a posto così”

    A stupire il pubblico delle prove libere del GP degli USA 2012 è stata soprattutto la Red Bull. Quella di Vettel. Il tedesco ha semplicemente dominato pur dovendo fare i conti con una perdita d’acqua che lo ha costretto a stare un’ora fermo dentro al box. “Siamo riusciti a trovare in fretta il ritmo – ha dichiarato il campione del mondo in carica – anche se ho girato poco nel pomeriggio, siamo ben preparati per domani. Dobbiamo stare attenti all’evoluzione della pista per cercare di migliorarci continuamente”. Se Fernando Alonso minimizza le prestazioni del rivale per il mondiale 2012, non fa altrettanto Lewis Hamilton. Il pilota della McLaren, protagonista sfortunato due settimane fa ad Abu Dhabi, dichiara:“Non so spiegarmi come abbia fatto a girare così veloce! Noi non sappiamo ancora quale sia il nostro vero passo. Quello che abbiamo provato non ha funzionato per cui dobbiamo fare adesso un passo indietro e sperare che vada meglio”.