GP USA F1 2012, Ferrari pro-Alonso: fa discutere la retrocessione di Massa [FOTO]

da , il

    GP USA F1 2012: fa discutere la scelta Ferrari di penalizzare Massa per aiutare Alonso

    Vado a memoria. Quanto accaduto nel GP degli USA 2012 non si era mai visto, fino ad oggi, in Formula 1. La Ferrari ha deciso sfruttare il regolamento che infligge un arretramento di 5 posizioni in griglia di partenza come penalità per la sostituzione anticipata del cambio, al solo fine di aiutare l’altro pilota a guadagnare una posizione al via. Fernando Alonso ha sfruttato alla grande il regalo trovandosi già quarto dopo poche curve. Dal canto suo, Felipe Massa, ha rimontato fino a raggiungere l’obiettivo massimo possibile. A conti fatti, la scelta è stata giusta perché entrambi i piloti hanno massimizzato il loro potenziale. Il problema resta, però, dal punto di vista morale. Va bene essere una squadra e dare ordini di scuderia in gara. Ma anche questi giochetti sono leciti in uno sport? La cosa buona è che la scuderia italiana, a differenza di altre, ha fatto tutto alla luce del sole, senza prendere per il naso nessuno. Forse è proprio questa la mossa che deve scagionare il box da ogni ulteriore polemica. Che ne pensate?

    Ferrari, Fry spiega la scelta di penalizare Massa

    “Siamo riusciti a centrare il nostro obiettivo, vale a dire tenere aperto il campionato Piloti fino all’ultimo”, ha esordito Pat Fry in conferenza stampa. Il direttore tecnico della Ferrari pare sia l’autore della pensata che fa discutere: far retrocedere Massa di cinque posizioni per far partire Alonso dal lato pulito della pista. “Abbiamo scelto di ricevere una penalità connessa alla sostituzione del cambio che ha comportato per Felipe la perdita di cinque posizioni sulla griglia ma ha permesso ad entrambi i piloti di partire dalla parte pulita del tracciato, un fattore importante nell’ottica della lotta di Fernando per il titolo iridato – ha spiegato Fry – Ci aspettavamo un vantaggio per lo spagnolo e un bilancio più o meno simile per il brasiliano e i fatti – vedi l’ordine di classifica dopo la prima curva – ci hanno dato ragione”. Il brasiliano, tanto per la disponibilità quanto per la prestazione globale durante il GP degli USA, esce finalmente a testa alta e coperto da elogi:“Felipe, che ha dimostrato una volta di più un grande spirito di squadra condividendo una decisione per lui penalizzante, ha fatto una bellissima corsa, rimontando dall’undicesima alla quarta posizione e rendendosi protagonista di alcuni bei sorpassi”. Anche Stefano Domenicali ha una menzione speciale Massa:“Voglio fargli i complimenti non soltanto per la bellissima corsa di cui è stato protagonista ma soprattutto per il modo in cui ha condiviso con noi una scelta – quella di prendere consapevolmente una penalità al fine di massimizzare al meglio il potenziale alla partenza, soprattutto per il suo compagno di squadra – sicuramente difficile ma compiuta nello spirito che ci caratterizza da sempre: l’interesse della squadra viene prima di quello dei singoli. Non soltanto i fatti ci hanno dato ragione ma in più abbiamo avuto un’ulteriore conferma – anche se non ce n’era alcun bisogno – che Felipe è un uomo di squadra, una persona sincera e onesta che condivide appieno i nostri valori: di questo voglio ringraziarlo pubblicamente”.

    Massa: “Io persona onesta, farò tutto per il team”

    Felipe Massa si prende i complimenti senza batter ciglio:“Per me questa gara è stata un po’ come una vittoria, sicuramente la più bella della mia stagione: ora posso dire di essere contento di essere partito undicesimo!”, ha scherzato. “Quando mi hanno detto che avrei perso cinque posizioni non posso dire di aver fatto salti di gioia ma ho accettato di aiutare la squadra e il mio compagno: non credo che molti piloti avrebbero fatto altrettanto ma io sono una persona onesta e farò sempre il massimo per il mio team”, ha affermato il paulista della Ferrari. “Abbiamo fatto il meglio possibile oggi: non penso che avessimo delle possibilità di lottare contro Vettel e Hamilton. Ora andiamo ad Interlagos, la mia corsa di casa. Sarebbe bello poter chiudere questa stagione con un podio o, addirittura, una vittoria. Quello che è sicuro è che faremo di tutto perché la squadra possa cogliere i suoi obiettivi: oggi potevo forse arrivare davanti a Fernando ma so bene quale sia la sua posizione nel campionato e io faccio quello che è giusto per la Ferrari, come ho sempre fatto nella mia carriera”, ha concluso Massa.