GP USA F1 2012, qualifiche: Vettel in pole position, flop Ferrari con Alonso 8°

da , il

    vettel pole position usa f1 2012

    Va a Sebastian Vettel la pole position del Gran Premio degli USA 2012. Come previsto, il tedesco della Red Bull è il re delle qualifiche. Lewis Hamilton è secondo davanti a Mark Webber. Completano la top ten Kimi Raikkonen, Michael Schumacher, Felipe Massa, Nico Hulkenberg, Fernando Alonso, Romain Grosjean e Pastor Maldonado. Giornata nera per lo spagnolo della Ferrari che sceglie il sabato sbagliato per essere battuto dal compagno di squadra. L’impresa già ardua di vincere il campionato mondiale diventa ora veramente una missione impossibile. Da segnalare che Grosjean è stato retrocesso di cinque posizioni per sostituzione anticipata del cambio. Aveva chiuso le qualifiche al quarto posto.

    ORE 20.01 – Q3 Va a Sebastian Vettel la pole position del Gran Premio degli USA 2012. Hamilton è secondo davanti a Webber. Completano la top ten Grosjean, Raikkonen, Schumacher, Massa, Hulkenberg, Alonso e Maldonado. Giornata nera per lo spagnolo della Ferrari . Va male anche a Grosjean che sarà retrocesso di cinque posizioni per sostituzione anticipata del cambio.

    GP USA F1 2012: risultati qualifiche e griglia di partenza

    1. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m35.657s

    2. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m35.766s + 0.109

    3. Mark Webber Red Bull-Renault 1m36.174s + 0.517

    4. Romain Grosjean Lotus-Renault 1m36.587s + 1.051

    5. Kimi Raikkonen Lotus-Renault 1m36.708s + 1.137

    6. Michael Schumacher Mercedes 1m36.794s + 1.280

    7. Felipe Massa Ferrari 1m36.937s + 1.484

    8. Nico Hulkenberg Force India-Mercedes 1m37.141s + 1.643

    9. Fernando Alonso Ferrari 1m37.300s + 0.930

    10. Pastor Maldonado Williams-Renault 1m37.842s + 2.185

    Q2 cut-off time: 1m37.404s

    11. Bruno Senna Williams-Renault 1m37.604s + 1.808

    12. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m37.616s + 1.820

    13. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m37.665s + 1.869

    14. Jean-Eric Vergne Toro Rosso-Ferrari 1m37.879s + 2.083

    15. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m38.206s + 2.410

    16. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m38.437s + 2.641

    17. Nico Rosberg Mercedes 1m38.501s + 2.705

    Q1 cut-off time: 1m38.862s

    18. Daniel Ricciardo Toro Rosso-Ferrari 1m39.114s + 2.556

    19. Timo Glock Marussia-Cosworth 1m40.056s + 3.498

    20. Charles Pic Marussia-Cosworth 1m40.664s + 4.106

    21. Vitaly Petrov Caterham-Renault 1m40.809s + 4.251

    22. Heikki Kovalainen Caterham-Renault 1m41.166s + 4.608

    23. Pedro de la Rosa HRT-Cosworth 1m42.011s + 5.453

    24. Narain Karthikeyan HRT-Cosworth 1m42.740s + 6.182

    LaPresse

    ORE 19.59 – Q3 A pochi secondi dal termine, Hamilton prova ad impensierire Vettel. In difficoltà totale le Ferrari con Alonso e Massa che non riescono a schiodarsi dalla ottava e nona posizione!

    ORE 19.57 – Q3 1.35.877 per Vettel. Inarrivabile.

    ORE 19.56 – Q3 Webber fa 1.36.645 ma viene scavalcato subito dopo da Hamilton con 1.36.209. Da dietro arriva Vettel in gran carriera.

    ORE 19.55 – Q3 E’ Grosjean il primo a far segnare tempi interessanti. 1.37.227 per lui. Gli altri sembrano non guardare al cronometro ma solo a scaldare gli pneumatici.

    ORE 19.53 – Q3 Con Vettel, Raikkonen e Webber, adesso tutti sono in pista.

    ORE 19.51 – Q3 Arrivano anche Hamilton, Grosjean e Maldonado.

    ORE 19.50 – Q3 Partita la manche. Alonso, Massa e Schumacher subito in pista. La loro tattica consisterà nel portare in temperatura gradualmente le gomme.

    ORE 19.48 – Q3 Sta per iniziare la terza e decisiva manche. 10 minuti a disposizione dei piloti. Impossibile credere che Vettel non riesca ad ottenere la pole position. C’è curiosità, però, nel sapere cosa combinerà il suo avversario diretto nella lotta al titolo. Alonso non sembra molto a suo agio oggi.

    ORE 19.43 – Q2 Finisce la seconda manche. Molti piloti si sono migliorati: Vettel ha conservato il primato con 1.35.796 rifilando i soliti distacchi imbarazzanti: Webber è a 5 decimi, Massa a 7, Hamilton a 1 secondo. Completano la top ten Grosjean, Maldonado, Hulkenebrg, Schumacher, Alonso e Raikkonen. Gli eliminati sono Senna, Button, Di Resta, Vergne, Perez, Kobayashi e Rosberg.

    Ecco la loro classifica dei tempi:

    11) Senna 1m37.604s

    12) Button 1m37.616s

    13) di Resta 1m37.665s

    14) Vergne 1m37.879s

    15) Perez 1m38.206s

    16) Kobayashi 1m38.437s

    17) Rosberg 1m38.501s.

    ORE 19.39 – Q2 Alonso è in quarta posizione e si toglie dalla zona a rischio. Webber sale al secondo posto davanti a Hamilton. Button lamenta perdita di potenza. E’ costretto a tornare ai box. Le sue qualifiche terminano così. Ancora affidabilità precaria per la McLaren.

    ORE 19.37 – Q2 A cinque minuti dal termine, in zona pericolo di eliminazione troviamo Perez, Kobayashi, Rosberg, Alonso, Vergne, Grosjean, Senna, Schumacher e Di Resta. Particolarmente complessa appare la situazione dello spagnolo della Ferrari. Vettel intanto, fa il suo solito giro mostruoso in 1.35.971 e sale al comando della classifica di manche.

    ORE 19.33 – Q2 A metà sessione troviamo Hamilton al comando seguito da Webber, Raikkonen, Button, Massa, Grosjean, Hulkenberg, Senna e Alonso. Vettel è fuori dalla top ten ma si sta preparando ancora a mettere la zampata.

    ORE 19.31 – Q2 In azione anche Vettel. I piloti stanno ancora lottando molto con la difficoltà nel portare gli pneumatici in temperatura.

    ORE 19.29 – Q2 Il venezuelano ci ripensa e torna al box. E’ Raikkonen il primo a provare un giro lanciato. Nel frattempo, vanno in pista anche Button, Hamilton, Alonso e Massa.

    ORE 19.28 – Q2 Stavolta non c’è fretta di uscire in pista. E’ Maldonado a rompere il ghiaccio.

    ORE 19.27 – Q2 Inizia la seconda manche. 15 minuti a disposizione dei piloti per entrare nella top ten della griglia di partenza del GP degli USA 2012.

    ORE 19.20 – Q1 Finisce la prima manche. Gli eliminati sono Karthikeyan, De La Rosa, Kovalainen, Petrov, Pic, Glock e Ricciardo. Interessante risultato da parte delle Marussia che superano con entrambi i piloti le Caterham. Le HRT riescono ad entrare nel limite del 107%.

    Ecco la classifica degli ultimi 7:

    18) Ricciardo 1m39.114s

    19) Glock 1m40.056s

    20) Pic 1m40.664s

    21) Petrov 1m40.809s

    22) Kovalainen 1m41.166s

    23) de la Rosa 1m42.011s

    24) Karthikeyan 1m42.740s.

    ORE 19.18 – Q1 Botta e risposta tra Vettel e Hamilton. L’inglese toglie il primato al tedesco che, poco dopo, se lo riprende. Da segnalare che entrambi hanno registrato il loro tempo mentre sul tracciato erano esposte le bandiere gialle per un problema tecnico accusato da Karthikeyan.

    ORE 19.13 – Q1 Con 1.37.165 Vettel sale al comando. Dietro di lui ora c’è Webber con 50 millesimi di distacco. Seguono Grosjean a 3 decimi, Senna e Maldonado a 4, Massa a 5, Hulkenberg, a 6, Hamilton a 7, Alonso Button e Raikkonen a 9. In zona pericolo di eliminazione, oltre a HRT, Caterham e Marussia, ci sono i piloti di Toro Rosso, Sauber e Mercedes.

    ORE 19.12 – Q1 I piloti faticano a portare le gomme in temperatura. Il giro buono non è mai il primo ma, semmai, il terzo o il quarto!

    ORE 19.11 – Q1 Arrivati a metà manche, la classifica vede Grosjean al comando con 1.37.865 seguito da Webber, Hulkenberg, Massa, Perez, Alonso, Button, Vettel. Le posizioni, però, sono in continua evoluzione. Ancora è tutto da decidere.

    ORE 19.10 – Q1 Arrivano Massa e Alonso rispettivamente in seconda e terza posizione. Anche Webber, Hamilton e Button si stanno preparando al giro di lancio. Vettel, invece, sta per concludere la sua prestazione.

    ORE 19.07 – Q1 Grosjean fa 1.39.078 ed è primo. Ancora solo sei piloti con almeno un giro lanciato.

    ORE 19.05 – Q1 Il finlandese della Lotus ferma il cronometro sull’1.41.058. Nessun crono di rilievo per gli altri. In pista arrivano anche Massa, Vettel e Alonso.

    ORE 19.00 – Q1 Si comincia! HRT e Sauber sono subito in pista. Tra i top driver, c’è solo Raikkonen.

    ORE 18.55 Mancano 5 minuti all’inizio della Q1. Stavolta vi sono seri dubbi in merito alle possibilità che la HRT riesca a rientrare nel limite del 107% rispetto al miglior tempo della prima manche. Le vetture spagnole sono in profondissima crisi. Il team è in vendita. Da segnalare, inoltre, la seconda ammonizione inflitta a Sergio Perez in due giorni. Ieri ha rallentato Glock. Oggi ha avuto un contatto troppo ravvicinato con Charles Pic nel corso della terza sessione di prove libere.

    ORE 18.45 Sette ore di fuso orario tra Italia e Texas. Ad Austin sono le ore 11.45. La temperatura dell’aria è di 20°, quella dell’asfalto è di 31°. Le mescole di pneumatici portate dalla Pirelli sono Medium e Hard.

    Benvenuti alla diretta delle qualifiche del Gran Premio degli USA di Formula 1 2012. Per restare aggiornato su ciò che succede sul circuito di Austin, è sufficiente ricaricare questa pagina. Al termine delle prove libere, Sebastian Vettel ha confermato il proprio dominio sul giro secco. E’ indubbiamente lui il favorito per la pole position. Può impensierirlo Lewis Hamilton. Non sembra capace di fare altrettanto, invece, Fernando Alonso. Il pilota della Ferrari dovrà anche stavolta giocare sulla difensiva. Importante, al termine delle tre manche, sarà ritrovarsi sulle caselle dispari dello schieramento, quelle che si trovano sulla traiettoria pulita. Come ha dichiarato Mark Webber:“Se non posso essere in pole position, preferisco partire terzo anziché secondo”.