GP USA F1 2014, qualifiche: Ricciardo punta il podio, Vettel cerca la rimonta

Dopo le qualifiche ad Austin, in Red Bull si vivono situazioni opposte tra Ricciardo e Vettel

da , il

    GP USA F1 2014 ad Austin, le qualifiche

    Sensazioni contrastanti in Red Bull, dove per un Ricciardo che scatterà quinto, c’è un Vettel costretto a partire dalla pitlane. Sarà un Gran premio degli USA tutto in salita, una rimonta per la quale ha scelto un assetto decisamente diverso dagli altri, molto scarico, a privilegiare la velocità di punta e riuscire a sorpassare più agevolmente sul dritto.

    I riscontri ottenuti durante le libere 3, sembrano dare ragione al tedesco, che ha messo in mostra il passo giusto per sperare in punti pesanti. Più in alto, le mire di RIcciardo. «Rispetto a ieri mattina, oggi è andata meglio; quinto è il massimo che potessi fare, per la gara sono molto carico perché mi piace la pista, ci sono tante opportunità e son contento».

    | LEGGI ANCHE: QUALIFICHE AD AUSTIN, ROSBERG BEFFA HAMILTON |

    Il consueto “pronostico” sul risultato in gara non può mancare: «Terzo è il mio obiettivo, chissà [cosa accadrà] con le Mercedes, ma il podio è possibile. La Williams è così veloce da tutto l’anno, forse però è meglio partire quinto dal alto pulito [che non quarto]», aggiunge l’australiano.

    | LEGGI ANCHE: FERRARI, ALONSO E RAIKKONEN COMPRIMARI AD AUSTIN |

    Poche parole, invece, per Vettel. Una qualifica inutile, costretto a partecipare per non ridurre ancor di più l’attività in pista in Q1, ma alla fin fine c’è sempre la pitlane ad attenderlo. Partirà certamente con le gomme medie, puntando ad andare lungo e poi battagliare con le gomme soft e avvantaggiarsi quando chi gli sarà davanti dovrà passare sulle medie. «Cercheremo di essere pronti per la gara e di poter superare un po’ di persone», dice il tedesco. Il suo Gran premio degli USA si deciderà tutto nel tempo che avrà bisogno per riportarsi sul gruppetto dalla quinta piazza in poi, considerando off-limits le prime quattro posizioni.