GP2 Germania 2012, Gara 2 in carrozza per Calado

da , il

    James Calado GP2

    È stata battaglia ristretta per la vittoria in Gara 2 della GP2 a Hockenheim. James Calado, partito dalla pole position dopo l’ottavo posto ieri in Gara 1, ha dovuto arginare l’assalto di Van der Garde, a distanza ravvicinata per gran parte dei 27 giri.

    Allo start, pessima partenza per Melker, che resta fermo in griglia sulla piazzola 3, prima di avviarsi lentamente. Male anche il leader di campionato Razia, che dopo aver perso 4 posizioni è stato protagonista di un testacoda al tornantino, piombando in fondo al gruppo. Nello stesso punto Dillmann e Chilton si agganciavano, causando l’ingresso della safety car per rimuovere le due vetture.

    Valsecchi ai margini della zona punti, mentre Razia è piombato in ultima posizione, dalla quale ha rimontato lentamente.

    Dietro Calado e Van der Garde, distanziati tra loro di circa 2″, a 13 giri dal termine seguivano Nasr, Leimer, Gutierrez, Cecotto – il vincitore di Gara 1 è stato l’unico a partire con le gomme morbide -, Melker, Kral, Coletti e Valsecchi.

    Una gara meno avvincente di quella del sabato, con l’asfalto asciutto che ha limitato le opportunità di sorpasso tra i primi. Nel gruppo di Cecotto, Melker, Kral, Coletti e Valsecchi si è assistito a qualche tentativo come quello maldestro di Palmer che ha toccato Valsecchi mandandolo in testacoda e relegandolo in 16ma posizione, appena davanti a Razia. Chi se n’è avvantaggiato è stato Gutierrez, terzo in campionato prima di Gara 2, e ai margini del podio dietro a Calado, Van der Garde e Leimer.

    Un sussulto a 8 giri dal termine, quando Serenelli è andato a sbattere violentemente in ingresso del Motodrom, dritto contro le barriere e malconcio una volta fuori dalla monoposto: pilota che è uscito con sulle proprie gambe.

    Kral ha perso tre posizioni, per aver alzato il piede proprio nella zona dell’incidente, con bandiere gialle esposte, venendo sopravanzato da Coletti, Palmer e Berthon, a chiudere la top ten. Fasi molto concitate quelle conclusive, con Melker superato da Palmer e Coletti, mentre Valsecchi ha rimontato fino ad agguantare la nona posizione.

    Vittoria per Calado, autorevolmente in testa dal primo giro. A podio vanno Van der Garde e Nasr, seguiti da Leimer, tallonato da Gutierrez, poi Cecotto, Palmer, Coletti, Valsecchi e Melker.

    Ordine d’arrivo GP2 Germania 2012 – Top ten Gara 2

    1. Calado

    2. Van der Garde

    3. Nasr

    4. Leimer

    5. Gutierrez

    6. Cecotto

    7. Palmer

    8. Coletti

    9. Valsecchi

    10. Melker

    Classifica piloti campionato GP2

    1. Razia 175

    2. Valsecchi 159

    3. Gutierrez 129

    Gara 1 della Gp2 a Hockenheim è stata influenzata in maniera decisiva dalle condizioni meteo, che hanno portato Johnny Cecotto e Richelmi a giocare d’azzardo. Al via tutti partivano con gomme da bagnato, tutti tranne Cecotto e Richelmi. La pista in rapida evoluzione e il divieto di fermarsi ai box fino al sesto giro, hanno consentito ai due piloti di approfittare al meglio delle loro gomme slick. In partenza, Van der Garde ha mantenuto la testa della gara, mentre al tornantino Melker, partito terzo, ha sopravanzato sia Leimer che Van der Garde. Valsecchi, all’inseguimento di Razia in campionato, ha perso progressivamente posizioni, dopo lo start in quarta posizione.  

    Aperta la pitlane al sesto giro, tutti ai box per montare le gomme da asciutto. Nel caos dei cambi gomme Valsecchi ha perso qualche posizione e in testa si sono ritrovati Cecotto e Richelmi, con un vantaggio di quasi 30″ su Leimer, primo degli inseguitori. Qualche giro per stabilizzare le gomme e Leimer sembrava potersi lanciare all’inseguimento, ma Cecotto è riuscito a riprendere un buon passo e tenere un margine di sicurezza per effettuare il pit stop. Nelle retrovie è stata lotta tra Coletti, Ericsson e Valsecchi. L’italiano attacca Ericsson al tornante, siamo a giro 13. A sua volta Ericsson attacca e supera Coletti, che chiude la traiettoria e viene colpito da Valsecchi. Fortuna di Davide il musetto si rovina ma non in maniera tale da costringerlo al rientro ai box. Dopo metà gara la classifica vedeva Cecotto davanti a Richelmi, Leimer, Nasr, Van der Garde, Melker, Razia, Calado, Valsecchi, Ericsson.   Al giro  23 si ferma Richelmi per il pit obbligatorio, ma viene risucchiato dagli inseguitori. Una tornata dopo tocca a Cecotto che, nonostante la sosta al rallentatore, mantiene la posizione su Leimer, vicino ma non abbastanza per attaccare. Valsecchi recupera, sopravanza Calado, va all’inseguimento di Razia, diretto rivale per il campionato. Purtroppo il recupero di Calado e un errore in staccata relegano nuovamente Valsecchi indietro. Tutto immutato in testa, con Cecotto che bissa il successo di Montecarlo. Sul podio anche Leimer e Richelmi, abile a superare Nasr e strappare il terzo gradino del podio. In ottica campionato Razia consolida la leadership approfittando delle sfortune di Valsecchi finito 13mo.  

    Ordine d’arrivo GP2 Germania 2012 – Top ten

    1. Cecotto

    2. Leimer

    3. Richelmi

    4. Nasr

    5. Van der garde

    6. Merkel

    7. Razia

    8. Calado

    9. Dillman

    10. Gutierrez