Gp2 Monaco 2012: Cecotto in gara 1, Palmer in gara 2 dopo l’autoscontro

da , il

    Cecotto Addax

    Ha apposto la firma sulla prima vittoria in Gp2 nel Gran Premio di Monaco 2012, con una gara condotta in testa dalla partenza alla bandiera a scacchi, Johnny Cecotto. Scattato bene dalla pole, nessuno ha potuto mettere in discussione il primato del pilota della Addax. Al via, chi partiva male perdendo posizioni era Max Chilton, affiancato in griglia a Cecotto. Due posizioni regalate a Marcus Ericsson – a fine gara secondo – e Giedo Van der Garde, che ha concluso sul gradino più basso del podio, nonostante la paura al via del giro di formazione.

    Il pilota olandese è rimasto fermo in griglia, riuscendo a ripartire in tempo per accodarsi al gruppo e riguadagnare la posizione. In quarta posizione è giunto Davide Valsecchi, mentre ha mantenuto la propria posizione di partenza Razia, quinto.

    Quasi tutti i piloti sono partiti con le gomme supermorbide, mentre a inaugurare le soste ai box è stato Chilton, rientrato al 20mo giro. Poi è toccato a Ericsson e Van der Garde,mentre il leader della corsa Cecotto ha ceduto brevemente la testa a Valsecchi, per poi riprendersela al pit del pilota italiano. Ultimi giri con Ericsson vicinissimo a Cecotto, che non ha mantenuto la calma ed ha agguantato la prima vittoria in carriera.«Marcus [Ericsson] non mi ha reso la vita facile, poi è stato molto difficile con i doppiati, specialmente prima del pitstop: nonostante le bandiere blu non mi lasciavano passare. Non potevo spingere troppo per non rovinare le gomme; riuscivo ad andare più forte di Marcus nelle curve veloci, ma con i doppiati non potevo fare la differenza. Gli ultimi 10 giri sono stati lunghissimi», ha commentato nella conferenza del dopo corsa, Cecotto.

    Classifica primi 10 – Gara 1 Gp2 Monaco

    1. J. Cecotto – Barwa Addax – 59’42”521

    2. Ericsson – iSport International – +0.564

    3. G. Van der Garde – Caterham – +5.040

    4. D. Valsecchi – Dams – +13.347

    5. M. Chilton – Carlin – 17.378

    6. J. Palmer – iSport International – +21.883

    7. J. Calado – Lotus Gp – +25.686

    8. S. Richelmi – Trident – +42.275

    9. N. Berthon – Racing Engineering – +45.319

    10. S. Coletti – Scuderia Coloni – +47.099

    GP2 Montecarlo

    Autoscontro al via di Gara 2

    Il via di gara 2 della Gp2 al Gran Premio di Monaco è da panico. Scatta lentamente in griglia Valsecchi, mentre dalla pole è lotta Richelmi-Calado. I due arrivano a Saint Devote con Palmer che prende l’interno, mentre RIchelmi stringe Calado e termina out. La salita di Massenet verso le curve del Casinò si trasforma in un tamponamento a catena da Autostrada del Sole. Johnny Cecotto innesca la carambola intraversandosi lungo la salita: strada sbarrata e contatti a catena. Nasr quasi decolla sulla vettura di Guerin e Valsecchi va contro le barriere, toccato da dietro. Entra la Safety Car, con il bilancio che vede 10 macchine ritirate – tra cui Cecotto, Coletti, Dillmann, Onidi, Nasr e Richelmi – e in testa Palmer davanti a Calado, Chilton e Van der Garde. Appena 16 macchine in gara. Alla ripartenza, al quarto giro Palmer mantiene il comando mentre Calado con il musetto della vettura danneggiato, blocca il gruppo alle sue spalle. A 22 giri dal termine viene esposta la bandiera nera con bollino arancio, che obbliga il pilota della Lotus a fermarsi per sostituire il musetto, quando Palmer ha già preso il largo con oltre 6” di vantaggio su Chilton. Vantaggio cresciuto progressivamente, anche dopo la sosta di Calado, ritiratosi a 8 giri dalla conclusione.

    Nelle battute finali della gara Palmer ha controllato la rimonta di Chilton, all’inseguimento davanti a Van der Garde, Ericsson, Gonzales, Razia, Berthon, Gutierrez, Trummer e Kral.

    Classifica primi 10 – Gara 2 Gp2 Monaco

    1. J. Palmer – iSport International – 45’41″227

    2. Chilton – Carlin – +1.083

    3. Van der Garde – Caterham – +4.426

    4. Ericsson – iSport International – +8.133

    5. Gonzales – Caterham – +19.9

    6. Razia – Arden -+23.2

    7. Berthon – Racing Engineering – +26.3

    8. Gutierrez – Lotus – +26.8

    9. Trummer – Arden – +31.6

    10. Kral – Addax Team – +35.3