Gran Premio di F1 a Roma: c’è il progetto

Roma vuole ospitare un Gran Premio di Formula 1

da , il

    La voglia di rispolverare i fasti antichi è incontenibile nella Capitale. Roma insiste e tratta con Ecclestone per ospitare un Gran Premio di Formula 1. Inutile dire che il Mr. Burns con gli occhialetti da Harry Potter è letteralmente entusiasta dell’idea e farà di tutto per farla andare in porto.

    FLAMMINI. Il nome al centro del progetto è quello di Maurizio Flammini. L’ex pilota di F2, inventore del mondiale Superbike e attuale presidente della Federlazio, aveva provato a portare la Formula 1 a Roma già nei primi anni ’80 ma con scarsi risultati. Nel 2009, forte dell’amicizia con il nuovo sindaco Gianni Alemanno, ci riprova e consegna il progetto per il Gran Premio della Capitale da disputarsi nel 2011 direttamente a Bernie Ecclestone. “Insieme abbiamo riflettuto su quanto i GP cittadini rappresentino un?opportunità interessante per la crescita della F1″ ha spiegato Flammini commentando l’incontro con il boss della FOM e citando i casi di Valencia e Singapore come emblema del nuovo corso del grande Circus.

    BENE PER TUTTI. La Formula 1 vuole andare nelle città per avvicinarsi alla gente. Anche a costo di salutare location storiche ed esporsi alle feroci critiche dei veri appassionati. L’obiettivo di Ecclestone, per certi versi già ampiamente raggiunto, è di tirar fuori le corse a motori dalla nicchia di appassionati e metterle in pasto all’intera opinione pubblica. Nessuno scenario, quindi, è migliore di grandi città come Valencia e Singapore o come Roma, Parigi, Londra, Mosca, New York, Las Vegas, Città del Messico, Città del Capo, New Dehli che abbiamo già avuto modo di analizzare nelle settimane scorse. Per queste importanti capitali, invece, la F1 si trasforma in grande ritorno di immagine e popolarità, come conferma lo stesso Flammini, il quale tende a precisare che dei 150 milioni di Euro messi in preventivo, non sarà speso un centesimo di soldi pubblici per l’organizzazione dell’evento:“Alla comunità non costerà nulla, perché sarà interamente finanziato da investitori internazionali mentre il ritorno economico per il territorio è quantificabile in centinaia di milioni”.

    ZONA EUR. Al momento Flammini non vuole esporsi più di tanto in dettagli. Una prima indiscrezione, però, parla del quartiere EUR come sede privilegiata per disputare la corsa. Come lo stesso manager conferma, adesso la palla passa al Sindaco Alemanno che. dopo aver definito l’idea “interessante” ed aver nominato un incaricato per valutare la fattibilità del progetto, dovrà far quadrare il cerchio con Provincia e Regione. Il parere favorevole arriva anche dal segretario CSAI Marco Ferrari che spera di poter ospitare nel 2011 due Gran Premi in Italia. Nettamente contraria, invece, la posizione della Lega Nord che vede minata la posizione di Monza e, tramite il deputato Paolo Grimoldi esprime tutto il suo dissenso:“Il gran premio di F1 è di Monza e rimarrà a Monza. Roma faccia correre le bighe”.

    Foto: wikipedia.com; eternallycool.net