Hector Barbera fa piazza pulita in 250cc al limite della correttezza

Simoncelli e Pasini pagano l' eccesso di grinta di Barbera: chi ha ragione? Lo spagnolo Hector Barbera è stato veramente scorretto?

da , il

    La gara di domenica scorsa in classe 250cc ne ha viste delle belle sia in pista che nelle dichiarazioni a gara conclusa.

    Senza sottolineare il risultato di fine gara che ha visto il trionfo di Bautista, seguito da Takahashi e Barbera, ha sicuramente più senso rimarcare le azioni che si sono verificate durante la corsa e che hanno acceso le discussioni di fine gara, portando alcuni piloti ad insultare molto poco velatamente il collega che risponde al nome di Hector Barbera.

    Gara combattuta e tirata fino al limite quella che si è disputata sul circuito di Misano e che ha visto un Barbera poco illuminato che ha scambiato la striscia nera d’asfalto dell’ ex Santa Monica per una pista da bowling su cui fare piazza pulita degli avversari.

    Uno dei tanti a fare le spese di una guida ai limiti della correttezza è il nostro Mattia Pasini, a cui un Barbera spregiudicato e incapace di rimanere composto sulla sua moto durante i sorpassi ha consigliato l’ uscita di pista.

    Ma Pasini non è il solo a pagare il dazio spagnolo. Anche Marco Simoncelli è costretto all’ errore: innervosito da un presunto comportamento poco pulito dello spagnolo, il riccioluto pilota pecca di ingenuità dando gas eccessivo alla sua due ruote che si scompone e lo porta a chiudere in sesta posizione alle spalle di Locatelli e Simon.

    Le parole che Marco rivolgerà a Barbera a fine gara sono tutt’ altro che concilianti: “Barbera, con tutto il rispetto e spero che non se la prenda, è un imbecille e questo è già un complimento che gli sto facendo. Lui non corre per la gara, ma corre per buttare giù gli altri piloti. Non parlo solo per quello che è successo a me, ma questo non è un comportamento da adottarsi in gara, spero che qualcuno faccia un richiamo

    E’ anche vero che tra i due non corra buon sangue da tempo…

    Premettendo che più volte abbiamo sostenuto la spettacolarità del MotoMondiale e avallato un atteggiamento di guida più deciso, rimane il dubbio se questa volta Hector Barbera abbia veramente sorpassato il limite della correttezza.

    E secondo i nostri lettori?