Honda: Dovizioso, campione o mediocre?

La MotoGP 2010 è alle porte e Andrea Dovizioso cerca di essere allo stesso livello degli altri rivali ma la sua Honda non è all'altezza

da , il

    L’inizio della MotoGP 2010 si avvicina sempre di più e gli ultimi test svolti sul circuito di Sepang hanno evidenziato gli stessi valori della scorsa stagione, con i Soliti 4 a fare le voci dei padroni: Valentino Rossi, Casey Stoner, Jorge Lorenzo e Dany Pedrosa. In questo gruppo cerca di rientrare Andrea Dovizioso, che deve riscattare un 2009 davvero mediocre, costellato da una serie inutile di piazzamenti che non gli hanno consentito di portare la sua Honda a lottare per il titolo e al suo nome di uscire dalla fama di pilota mediocre e assolutamente non vincente.

    Andrea Dovizioso e il Repsol Honda Team continuano il lavoro di messa a punto della RC212V, anche se nell’ultima giornata dei test, svolti a Sepang la vera protagonista è stata la pioggia che ha alterato la maggior parte dei valori in pista.

    Il Dovi ha cercato di sfruttare le ore in cui l’asfalto si è andato via via asciugando, lavorando sull’assetto delle sospensioni e l’elettronica. Il tutto ha portato un miglioramento generale delle prestazioni della sua HRC e in vista del bis di Sepang, Dovizioso può guardare al 2010 con rinnovata fiducia nei suoi mezzi e nella Honda.

    Il ragazzo di Forlì ha girato con il miglior tempo di 2’02.272 52 e alla fine della sessione ha dichiarato con soddisfazione:“oggi abbiamo lavorato principalmente sulle sospensioni e provato alcune soluzioni di set-up, con risultati positivi. Sono contento perchè, grazie all’elettronica, il pacchetto è migliorato in tutti gli aspetti, anche se c’è ancora del lavoro da fare. In particolare dobbiamo migliorare il bilanciamento della moto, ma sono sicuro che possiamo lavorare su questo aspetto durante i prossimi test qui a Sepang, penso saranno più indicativi per quanto riguarda il passo gara”.

    Il numero 4 della Classe Regina deve assolutamente far dimenticare ai suoi tifosi, una MotoGP 2009 che ha avuto l’unico merito di fargli guadagnare la fama di pilota mediocre e indeciso nei momenti chiave della stagione, praticamente il forlivese non è mai riuscito ad inserirsi nella lotta mondiale dei vari Rossi, Stoner, Lorenzo, ma soprattutto del compagno di squadra, Dani Pedrosa.