Honda LCR: obbiettivo competitività

Dopo aver vissuto una MotoGP 2009, con risultati decisamente buoni, la Honda satellite di Lucio Cecchinello si appresta ad affrontare la nuova stagione con tutti i presupposti per poter insidiare le posizioni che contano

da , il

    Lucio Cecchinello, team manager della Honda satellite si è detto soddisfatto del Motomondiale 2009 in cui, la propria squadra ha guadagnato e ritrovato il podio. Tutto questo grazie ad una moto finalmente competitiva e al talento del suo pilota francese Randy de Puniet. Per la prossima stagione, Cecchinello si augura di poter continuare a migliorare la sua Honda e di poter chiudere la prossima MotoGP 2010 come miglior team privato della classifica generale iridata e per riuscire nell’impresa, dovrà avere un De Puniet completamente recuperato dall’infortunio.

    Dopo la bella stagione vissuta nel box della Honda satellite, Lucio Cecchinello è convinto di poter portare ancora più in alto la sua moto privata, progetto che stà portando avanti con molti sacrifici, soprattutto economici.

    Infatti, il suo centauro, Randy de Puniet ha portato a termine il 2009 con l’undicesimo posto in graduatoria generale e se non fosse stato per l’infortunio alla caviglia, il francese avrebbe potuto agguantare anche la settima piazza, che è sfuggita per soli 9 punti.

    Nonostante questo, il pilota transalpino è stato confermato dal team LCR e in questo momento si trova già immerso in pieno programma di riabilitazione, dopo la recente operazione per rimuovere le viti dall’arto infortunato.

    Ai microfoni di motogp.com, il team manager Lucio Cecchinello ha parlato della stagione 2009 appena conclusa: “siamo abbastanza soddisfatti dei risultati ottenuti perché abbiamo sicuramente fatto un passo in avanti rispetto al passato e soprattutto abbiamo avuto la possibilità di mostrare buone performance. Siamo stati capaci di salire sul podio a Donington e siamo molto contenti”.

    E sul prossimo campionato mondiale 2010, l’ex pilota ha affermato: “stiamo provando nuove sospensioni in vista del prossimo anno in attesa di ricevere la nuova moto. Quest’anno abbiamo avuto la possibilità di chiudere come miglior team privato, ma sfortunatamente a causa di un paio di cadute e di un infortunio di Randy non ci siamo riusciti. Il prossimo anno puntiamo ad essere il miglior team privato della classifica generale”.