Honda MotoGP: il punto dopo Sepang

I primi test ufficiali MotoGP hanno confermato i valori visti in pista nel 2009: Yamaha e Ducati si contenderanno il titolo, con la Honda a fare da terza incomoda, ma mai davvero convincente nella lotta per il primo posto

da , il

    Date le aspettative riposte nei propri piloti e nelle moto messe a loro disposizione, la Honda non può dirsi soddisfatta dei test ufficiali della MotoGP svoltisi sul circuito di Sepang.

    I valori in pista non sono cambiati: lo spagnolo Dani Pedrosa resta tra i Top Rider, anche se a una prima impressione continuerà a lottare per il podio più che per il titolo iridato, e Andrea Dovizioso si conferma nella seconda fascia della MotoGP. Un po’ poco per un marchio che vorrebbe tornare ai vertici della classe regina del Motomondiale.

    I primi test ufficiali hanno confermato i valori visti in pista nel 2009: Yamaha e Ducati si contenderanno il titolo, con la Honda a fare da terza incomoda, ma mai davvero convincente nella lotta per il primo posto.

    Dani Pedrosa sembra essere sempre in affanno dietro Valentino Rossi, Casey Stoner e Jorge Lorenzo, mentre Andrea Dovizioso dà sempre l’impressione di essere un buon pilota, ma sempre di seconda fascia (quest’anno dovrà vedersela soprattutto con Colin Edwards e Ben Spies).

    Dovizioso potrà anche essere soddisfatto del suo test (“Lascio Sepang con sensazioni positive e con molta fiducia per i prossimi test perché abbiamo idee molto chiare sulla strada da seguire,” ha dichiarato) ma lo stesso non si può dire del suo compagno di squadra: da Pedrosa tutta la Honda si aspetta molto di più e come minimo lo spagnolo dovrà lottare per il titolo insieme agli altri Fantastici Quattro. E se questo non dovesse accadere, è probabile che sarà proprio Pedrosa a dare inizio al valzer dei Top Rider (i cui contratti scadono a fine 2010), danza che finirà con qualcuno ritenuto più competitivo (l’australiano Casey Stoner?) seduto sulla sua motocicletta.