Honda MotoGP: Pedrosa al lavoro sulla RC212V

Dani Pedrosa vuole sfruttare al massimo i "vantaggi" dell'annullamento del Gran Premio di Motegi causato dall'eruzione dell'ormai noto vulcano islandese e del conseguente stop forzato del campionato del mondo MotoGP

da , il

    Non tutti i mali vengono per nuocere: così la pensa Daniel Pedrosa pensando al rinvio della Gran Premio della MotoGP che doveva corrersi a Motegi questo week end ma è stato rinviato al 3 ottobre 2010.

    Il centauro spagnolo del Team Honda Repsol approfitterà infatti dello stop per lavorare allo sviluppo (sembra che sia stato richiesto anche un nuovo telaio) della sua Honda RC212V, apparsa finora nettamente in ritardo rispetto alle Yamaha M1 e alle Ducati Desmosedici dei suoi rivali Valentino Rossi e Casey Stoner.

    Dani Pedrosa vuole sfruttare al massimo i “vantaggi” dell’annullamento del Gran Premio di Motegi causato dall’eruzione dell’ormai noto vulcano islandese e del conseguente stop forzato del campionato del mondo MotoGP.

    Il pilota catalano vuole infatti concentrarsi sullo sviluppo della sua Honda RC212V, moto che finora è risultata poco adatta al suo stile di guida e poco adatta a competere con le Yamaha M1 e le Ducati Desmosedici.

    Non tutti i mali vengono per nuocere. Con l’annullamento del GP di Motegi ci saranno più giorni di tempi per lavorare sulla moto,” ha dichiarato Pedrosa, “Dovizioso sembra esser a suo agio con la moto dall’inizio, così come io sin dal primo giro con la nuova RCV non mi son trovato bene. Abbiamo uno stile di guida diverso, credo che le esigenze di ciascun pilota sono molto importanti per trovare un buon feeling con la moto. In ogni caso voglio insistere, siamo fiduciosi che a Jerez possiamo ottenere un risultato migliore del Qatar.

    Honda al lavoro sulla moto dello spagnolo, quindi, per portarla al top entro il Gran Premio di Jerez.

    E per quanto riguarda il nuovo telaio? Solo una proposta, ha affermato lo spagnolo: “Quando qualcosa non funziona bisogna prendere dei correttivi, ed una delle proposte è stata quella di un nuovo telaio. Ci sono comunque diverse opzioni di lavoro: in Giappone si riuniscono e decidono su quali aree lavorare, per cui dobbiamo vedere cosa sta arrivando dal reparto corse.