Il Team Ducati a Brno

da , il

    Loris Capirossi - Vuole essere anche lui un italiano Campione del Mondo!

    Il team Ducati riparte, dopo la pausa estiva, con un Sete Gibernau in meno, un Alex Hofmann con tanta voglia di fare bene e un Loris Capirossi caricatissimo nella sua pista preferita e speranzoso riguardo le nuove evoluzioni dell Bridgestone.

    Il tedesco, dal canto suo, ringrazia ancora una volta la Ducati per la fiducia e cercherà di portare ulteriori punti nella casa italiana :

    “Sono molto felice di poter prendere parte ad un altro Gran Premio in sella alla Ducati ufficiale e ringrazio la Ducati, Pramac, D’Antin e tutti i nostri partner per avermi dato questa opportunità. Naturalmente mi dispiace molto per Sete, che sta vivendo un periodo decisamente difficile. Gli auguro di rimettersi completamente in forma al più presto.”

    L’italiano è tornato in forma ed è voglioso di tornare sul podio :

    “Mi dispiace per Sete e gli auguro di rimettersi in piena forma per le ultime gare del Mondiale. Per quanto mi riguarda dopo la gara di Laguna Seca sono stato qualche giorno a Miami poi in Sardegna e, finalmente, a casa mia! Mi sono rilassato, sono tornato in piena forma e adoro Brno: sono prontissimo per questa gara! Il tracciato è fantastico, vecchio stile, con curvoni veloci e parecchi saliscendi: è decisamente più divertente di alcuni circuiti lenti e stretti dove siamo stati nei mesi scorsi. Inoltre le Bridgestone si adattano bene alla pista Ceca dove, lo scorso anno, abbiamo cominciato una serie di gare positive e spero che accada lo stesso anche in questa stagione. Qui, come nella maggior parte delle altre piste che ospitano il Mondiale, occorre una moto ben bilanciata perché alcune curve sono in pendenza, altre in contropendenza. Ci vuole anche molta potenza per i rettilinei, alcuni dei quali sono addirittura in salita.”

    Livio Suppo, responsabile Ducati MotoGp, riassume il quadro della situazione :

    “Arriviamo a Brno animati da sentimenti contrastanti. Da un lato siamo molto dispiaciuti che Sete non possa correre perché sembrava che non ci sarebbero stati problemi per lui, ma dobbiamo seguire le indicazioni dei dottori, che gli hanno suggerito di restare a riposo per un altro paio di settimane. Sete ha grinta da vendere e siamo certi che si presenterà in Malesia in splendida forma e pronto a dare una svolta a questa stagione, così difficile per lui.”