In-Felipe e Massa-crato! La Ferrari non protegge il suo pilota: l’errore è tutto suo!

In-Felipe e Massa-crato! La Ferrari non protegge il suo pilota ed ammette: l'errore è tutto suo!

da , il

    In-Felipe e Massa-crato! La Ferrari non protegge il suo pilota ed ammette: l'errore è tutto suo!

    Quando Niki Lauda ebbe paura e si rifiutò di correre l’ultimo Gran Premio della stagione perdendo e facendo perdere il mondiale alla Ferrari nell’anno del suo grave incidente, Mauro Forghieri si propose di coprirlo dicendo alla stampa che aveva avuto un problema tecnico.

    Altri tempi adesso. E’ Felipe Massa a invocare un fantomatico problema al posteriore nel giustificare la sua inattesa uscita di pista a Sepang mentre la scuderia Ferrari da subito dice “a noi non risulta, ma verificheremo” e successivamente conferma “errore suo, analisi fatta e nessun problema riscontrato sulla F2008 di Felipe Massa”.

    Stefano Domenicali, però, aggiunge:“Non dobbiamo drammatizzare, sono sicuro che Felipe darà una grande risposta a tutti in Bahrain”. Che ci creda davvero o lo faccia solo per il ruolo che ricopre non è dato saperlo, fatto sta che il responsabile della gestione sportiva Ferrari non è in grande compagnia. Sono in molti tra tifosi e addetti ai lavori che non si vergognano di esternare le loro perplessità su Felipe Massa come pilota vincente ai massimi livelli. Tra questi c’è anche Peter Sauber, uno che l’ha avuto/subito per ben due anni:“Massa sa essere molto veloce, soprattutto nel giro secco. Ma se le cose non vanno come lui si aspetta allora perde la concentrazione molto facilmente”. Non a caso le gare in cui ha fatto il fenomeno lo hanno sempre visto dominare dal primo all’ultimo giro.

    Non ci sarebbe, quindi, da fare drammi se lo si prendesse per come è. Massa veloce sempre, campione raramente. Una buona seconda guida che a volte fa magie e a volte stecca. Tutt’altra pasta ci vuole, invece, per puntare al titolo mondiale. E’ noto. Noto per tutti tranne che per il diretto interessato che continua ancora a parlare di rimonta, matematicamente più che possibile, e riscatto immediato:Ho cominciato la stagione con molti avvenimenti che non sono stati dalla mia parte. Ci sono ancora sedici gare, 160 punti in palio e mi riprometto di recuperare tutti quelli che ho perso nei due Gran Premi di apertura”.

    “Quanto a mie presunte difficoltà nel guidare senza TC - ha precisato il pilota brasiliano – ho ammesso che sarebbe stato più complicato e che ci sarebbero stati più errori ma mi riferivo a condizioni di pista difficili. Fino ad ora abbiamo sempre guidato in condizioni ottimali per cui quello che è successo non c’entra niente con l’assenza del TC”. Purtroppo è vero. Non a caso Massa errori di quel genere li ha fatti anche negli anni scorsi. Ma questa è un aggravante, semmai….