Incidente ad Hamilton: paura al Nurburgring

incidente a lewis hamilton al gp d'europa

da , il

    Incidente ad Hamilton: paura al Nurburgring

    Nel Q3 delle qualifiche del Gran Premio dì’Europa, al primo tentativo con gomme nuove Lewis Hamilton perde il controllo della vettura che sbatte quasi a 90° sulle barriere ed a piena velocità. La colpa è da attribuirsi ad un errato montaggio del pneumatico durante il pit stop.

    I commissari espongono la bandiera rossa immediatamente e la sessione viene interrotta. Meno celeri sono nel soccorrere il pilota britannico che dopo alcuni interminabili attimi esce con le sue stesse braccia dall’abitacolo. E’ visibilmente frastornato.

    Tutti si aspettavano un colpo a vuoto del debuttante. Ma per 9 volte su 9 non aveva dato segnali di cedimento. Il cedimento, invece, l’ha avuto la sua squadra, la McLaren.

    Senza il pudore che aveva accompagnato altri incidenti simili, le telecamere hanno mostrato le gambe che si muovevano nervosamente nell’abitacolo, il pilota che si trascina con le braccia fuori dalla monoposto e che poi prova a stare in piedi ma crolla a terra. Impacchettato sulla barella alza con fatica un braccio per dare un segnale distensivo. In apprensione si attendono informazioni dall’ospedale, dove viene ricoverato immediatamente.

    Ron Dennis fa sapere che non ci sono danni al pilota. Niente di rotto, in attesa di accertamenti Hamilton potrebbe persino prendere il via domani.

    Alla curva che porterà il nome di Schumacher, proprio come Schumacher a Silverstone, ma prima di Schumacher in carriera. Anche Hamilton, baby-prodigio, talento innegabile, conosce la paura. I paragoni finiscono più o meno qui ma vengono spontanei. Schumacher dovette rinunciare ad un titolo mondiale. Hamilton avrà l’opportunità di difendere il suo primato: salvo complicazioni, infatti, sarà in vettura già domani. Nel peggiore dei casi perderà solo una corsa.