Incidente Mortale: tragedia nel Drag racing

Il drag racing ha fatto una nuova vittima: la folle competizione motoristica americana è stata teatro di un terribile incidente in cui ha perso la vita Mark Niver, 60 anni, uno dei piloti veterani della NHRA (National Hot Rod Association)

da , il

    Il drag racing ha fatto una nuova vittima: la folle competizione motoristica americana è stata teatro di un terribile incidente in cui ha perso la vita Mark Niver, 60 anni, uno dei piloti veterani della NHRA (National Hot Rod Association).

    L’incidente è avvenuto durante i Northwest Nationals disputati a Seattle e a quanto pare è dovuto alla perdita del paracadute che serve a frenare il veicolo.

    Tragedia ai Northwest Nationals della NHRA (National Hot Rod Association): Mark Niver, uno dei piloti più anziani e rispettati della categoria è morto schiantandosi davanti gli spettatori inorriditi.

    Il dragster di Niver ha perso il paracadute di sicurezza al momento della frenata e si è andato a schiantare a circa 271 miglia all’ora, saltando fuori dalla pista e impattando violentemente contro la rete di protezione. Le squadre di emergenza hanno tirato Niver fuori dalle macerie, ma non sono riusciti a salvarlo.

    La NHRA si conferma competizione pericolosissima: solamente quest’anno sono morte altre due persone, un pilota (Neal Parker) e una tifosa che a febbraio è stata colpita una “ruota vagante” mentre assisteva ad una competizione. Nel 2008 un altro rider, Scott Kalitta, morì in un incidente simile a quello in cui ha perso la vita Niver.

    Mark Niver era conosciuto da tutti gli appassionati della disciplina per i suoi dragster interamente costruiti da lui, motori compresi, in contrasto con i grandi gruppi sponsorizzati: da sempre categoria motoristica sui generis, il drag racing è infatti espressione di libertà e creatività applicate al mezzo meccanico, e Niver incarnava a pieno questi valori.