Interviste post-Le Mans

Intervisa dopo la gara di Le Mans che ha visto la vittoria di Marco Melandri, Daniel Pedrosa e Loris Capirossi

da , il

    Gara asciutta quella di Le Mans, ma bagnata dalle lacrime di Valentino Rossi, tradito dalla sua Yamaha.

    Vince Melandri, Capirossi e Pedrosa. E la voce dei tre è unanime: “Valentino è tornato!”

    Melandri: “Oggi Valentino è tornato quello di sempre. Io credo che oggi me l’abbia regalata la gara. Sapevo che Valentino e Pedrosa avevano montato gomme più morbide delle mie, ma ci ho provato. Non so, Pedrosa ho visto che perdeva alla fine, forse avrebbe fatto così anche Valentino, non lo so. Certo è che Valentino è tornato. E’ stato sfortunato oggi, ma oggi era velocissimo. Avevo prospettive medie oggi, ma è andata bene. Il segreto secondo me, è vivere domenica per domenica.

    Pedrosa: “Io ci ho provato. Valentino sicuramente non l’avrei preso, ma ci ho provato. Ad un certo punto le gomme morbide mi hanno lasciato, non potevo più tenere il passo dei primi. E poi non volevo cadere di nuovo!

    Capirossi: “Sapevamo che non potevamo essere veloci come primi, ma ho fatto del mio meglio. Io ho cercato di sfruttare tutto quello che avevo e ho cercato di non mollare mai. Certo è che Valentino davanti era veramente troppo veloce. La Bridgestone oggi si è presentata con una gomma nuova che va decisamente bene. Cio sono un sacco di piloti con tanta grinta, ce le daremo di santa ragione in tutte le gare

    Davide Brivio: “Come Yamaha ci dobbiamo prendere la responsabilità. C’è stato un problema al motore, ancora non sappiamo bene cosa, i tecnici lo stanno smontando per trovare il problema. Colpa nostra. Se di cose buone ce ne sono è che prima eravamo a -32 e ora a -43: poteva andarci peggio. Positivo è il fatto che il nuovo telaio stia mettendo Valentino in condizione di dare il massimo, questa era una gara alla Valentio Rossi. Lui è innocente, sta facendo tutto come ha sempre fatto, con tutta la professionalità e la voglia che ci ha sempre messo. Anche in questa gara ha dimostrato di essere il più forte. E’ il motore che ha ceduto, solo colpa nostra. Pensiamo al Mugello.