James Toseland pronto per la Motogp

James Toseland è pronto per far tornare importante il movimento inglese nella Motogp

da , il

    James Toseland

    C’era bisogno di un po’ di Gran Bretagna nella Motogp. A tenere alto l’orgoglio dei sudditi della Regina nel 2008 ci proverà James Toseland , che dall’alto del suo titolo mondiale SBK non può essere considerato una comparsa, ma un pericoloso outsider che potrebbe rovinare la festa ai piloti più famosi.

    Ma non solo James Toseland. Nel motocislimo c’è spazio anche per un altro pilota inglese, con dieci anni in meno rispetto al primo: stiamo parlando della promessa della 125cc, Bradley Smith, che correrà con la competitivissima Aprilia team Polaris World. E proprio il ragazzino terribile commenta la presenza del connazionale James Toseland tra i piloti della Motogp:

    “E’ fantastico avere un pilota inglese in Motogp e sono sicuro che farà molto bene. Vincere due campionati Superbike non è facile e sono sicuro che saprà come comportarsi quando gareggerà contro personaggi del calibro di Stoner, Pedrosa e Rossi il prossimo anno. E’ importante che facia bene per tutte le persone collegate al mondo gare inglese”.

    Negli ultimi anni i piloti anglosassoni non hanno lasciato il segno nella Motogp, ma nella storia del motociclismo ce ne sono parecchi e tutti caratterizzati da un cuore e da un coraggio superiore a tutti gli altri piloti: Geoff Duke, John Surtees, Mike Hailwood e Barry Sheene. L’amore verso un motociclismo romantico d’altri tempi, per cui oggi molti piloti preferiscono gareggiare in Superbike, e la passione tutta inglese delle corse su strada, come per esempio il TT Races, hanno fatto diminuire la presenza dei piloti d’oltremanica nella classe regina.