Jarno Trulli: non voglio concludere la mia carriera in F1

Jarno Trulli non ha intenzione di concludere la sua carriera di pilota in F1, ma soprattutto, non intende passare altri anni relegato in fondo alla griglia del Circus

da , il

    trulli lotus

    Jarno Trulli potrebbe abbandonare la Formula1 e andare a correre in un’altra serie. A Confermarlo è il diretto interessato che, dopo un anno difficile trascorso con la scuderia esordiente della Lotus, ha dichiarato di non aver alcuna intenzione di concludere la propria carriera in fondo alla griglia del Circus. Il pilota abruzzese ha firmato per un altro anno con la squadra anglo malesiana, ma già a fine 2011 potrebbe decidere di abbandonare la massima categoria. Intanto il team di Tony Fernandes si prepara a portare in pista la monoposto 2011 fin dai primi test invernali, in programma a Valencia dall’1 al 3 febbraio.

    F1 O NASCAR? Jarno Trulli si prepara a intraprendere la sua quattordicesima stagione in Formula1, ma non esclude la possibilità di lanciarsi in qualche nuova avventura già dalla fine del 2011. Il pilota abruzzese, che recentemente ha criticato la Formula1 odierna, colpevole, secondo Trulli, di essere regredita di vent’anni, con una forte presenza di piccoli team indipendenti alla ricerca di giovani e facoltosi piloti piuttosto che di driver talentuosi, potrebbe infatti decidere di lasciare il Circus. Trulli, che è approdato alla Lotus a inizio 2010 dopo l’abbandono delle competizioni da parte di Toyota, sua vecchia squadra, ha infatti sofferto non poco in questa stagione appena conclusa, ammettendo di non aver alcuna intenzione di finire i suoi giorni da pilota relegato sul fondo della griglia.

    JARNO TRULLI. “Un anno posso sopportarlo, di più no”, ha ammesso il driver di Pescara, dichiarandosi interessato alla possibilità di correre in altre serie automobilistiche.La NASCAR potrebbe essere un’esperienza interessante”, ha fatto sapere Trulli, che aveva già testato una vettura Sprint Cup a fine della stagione 2009. “Sarebbe un concetto completamente diverso che potrebbe darmi nuove motivazioni, così come il DTM o le corse a lunga percorrenza”.

    TONY FERNANDES. Intanto la Lotus ha fatto sapere che sarà pronta con la nuova vettura fin dal primo appuntamento con i test invernali, in programma a Valencia a inizio febbraio. Così come i colleghi della Red Bull, anche il team anglo malesiano porterà dunque in pista la monoposto 2011 già dalla prima giornata, senza però prevedere una presentazione ufficiale della stessa. Dopo una visita al quartier generale del team a Hingham, il fondatore e boss della squadra Tony Fernandes, ha fatto sapere che la nuova monoposto si presenta molto bene, sottolineando inoltre che non sarà previsto un lancio ufficiale della vettura. “Presenteremo la macchina direttamente a Valencia”. A seguito dell’uscita di scena dalla FOTA, da parte della HRT, Fernandes ha inoltre fatto sapere, tramite il social network Twitter, che la propria squadra non ha alcuna intenzione di seguire le orme dei colleghi spagnoli, dichiarando altresì: “Pensiamo che la FOTA sia un’ottima cosa e un organo molto importante”.