Jenson Button: ultima vittoria a Silverstone

Jenson Button, pilota Brawn GP, annuncia di voler vincere il Gran Premio di Gran Bretagna

da , il

    Jenson Button si presenta a Silverstone come grande favorito e con un sogno: portarsi a casa una vittoria storica. La prima (sua) e l’ultima (della F1). A rendergli la vita difficile non ci sarà l’altro uomo di casa: Lewis Hamilton. Il driver McLaren chiede scusa ai tifosi e spiega:“Più di così non posso fare”

    JENSON BUTTON. Ogni pilota vorrebbe mettere il proprio nome nell’albo d’oro del circuito di Silverstone, tempo indiscusso della velocità. Jenson Button di più. Molto di più. Il pilota Brawn GP è inglese, ha la macchina di gran lunga migliore del lotto, è stato in grado di vincere la prime 6 gare su 7 della stagione e si trova a disputare l’ultimo GP di Gran Bretagna sulla pista che vide il battesimo della Formula 1. E’ normale che speranze ed aspettative siano a mille:“Non sarà facile, perché le nostre principali rivali si troveranno a proprio agio tra i curvoni di Silverstone. Sarà una gara interessante. E io voglio regalare a tutti coloro che ci guarderanno un bellissimo spettacolo. Non vedo l’ora di correre e dedicare la vittoria ai tifosi” ha dichiarato il leader del mondiale ricordando che, vista anche la vicinanza della pista con la sede di Brackley, per la Brawn si tratta a tutti gli effetti della gara di casa. Ross Brawn, uno che non parla mai a caso, ha ammesso:“I presupposti ci sono tutti. Spero in un fine settimana memorabile”.

    LEWIS HAMILTON. Un anno fa c’era Hamilton nei panni di Button. Il campione del mondo in carica si presentò a Silverstone con i riflettori puntati addosso e tirò fuori dal cilindro una prestazione epica sotto al diluvio. Quest’anno, invece, tutto ciò che riesce a dare al suo pubblico è una dichiarazione di resa. Incondizionata:“Non posso vincere il Mondiale, ma non è colpa mia”. Inconsolabile, il pilota McLaren risponde alle critiche piovutegli addosso dalla stampa nazionale scaricando le responsabilità sulla vettura. Per l’anglocaraibico il progetto Mp4-24 è nato male e non è mai stato recuperato. Ciò detto, non intende impelagarsi in processi di responsabilità:“Questa squadra è la McLaren-Mercedes. Vinciamo e perdiamo tutti insieme” ha concluso ribadendo come stia imparando molto, definendo non vana da questa difficile annata.