Jenson Button: we are the champions

Jenson Button festeggia il titolo di campione del mondo di Formula 1 2009 ringraziando il team per il supporto e ricordando a tutti come, a conti fatti, sia stati lui il più meritevole tra i piloti in corsa per il successo finale

da , il

    “We are the champions, my friends” Se la canta così Jenson Button dopo aver tagliato il traguardo di Interlagos da campione del mondo. E la canta a tutta la sua squadra Brawn GP che l’ha accompagnato verso un risultato incredibile.

    JENSON BUTTON. “Che gara incredibile. Sono campione del mondo. C’è stata una grande confusione all’inizio ma sono stato cauto… Sono campione del mondo – vuole mettere subito le cose in chiaro il pilota Brawn GP, ricordando come sia stata veramente dura uscire indenne dal primo giro mentre davanti e dietro di lui svolazzavano monoposto e pezzi di carbonio ad ogni curva – E’ stata una stagione molto bella, ma questa è stata la gara migliore dell’anno. Ne avevo bisogno. Sono campione del mondo”, ha ribadito l’inglese.

    GP BRASILE F1. La corsa di Interlagos non è certo la più comoda per vincere il titolo iridato. Anche l’edizione 2009 del GP del Brasile non ha smentito la tradizione:“Sono più che contento - ha ammesso Button parlando dei pericoli scampatiQuesta è stata la corsa più bella della mia vita per le emozioni che ho provato. Non sapevo cosa poteva fare Rubens, ma sapevo che potevo arrivare quinto o sesto in base ai nostri calcoli” L’inglese ha anche confessato di essersi sentito molto preoccupato dopo le qualifiche quando Barrichello era in pole position e lui fuori dalla top ten:“Mi sono seduto nella mia stanza e ho cominciato a pensare al peggio. Stavo male. Poi ho bevuto qualche bicchiere ed ero pronto”.

    BRAWN GP. Il re della festa è Jenson Button. Ma Ross Brawn non è da meno. E’ la prima volta che un team debuttante vince il titolo costruttori e l’ex-ferrarista ci tiene a precisare come questa incredibile affermazione non sia frutto del caso o della fortuna:“Ce lo siamo meritati. Devo dire che abbiamo avuto qualche problema solo nelle qualifiche, ma per il resto siamo andati molto forte. Ci vorrà del tempo per capire quello che abbiamo fatto”, ha concluso il mangia-banane con la sua solita lucidità.

    Foto: www.gpupdate.net