John Hopkins: nuovo pilota SBK

Dopo il licenziamento da parte della Kawasaki in Motogp, John Hopkins torna a gareggiare , in Superbike con la Honda CBR1000RR del team Stiggy che lo ha preferito al nostro Roberto Rolfo

da , il

    Un posto in Superbike non si nega a nessuno, tantomeno ad un talento come John Hopkins che dopo il siluramento subito dalla Kawasaki e’ riuscito a trovare una squadra per essere in pista in questo 2009: gareggiera’ con il team Stiggy ed avra’ a disposizione una velocissima Honda CBR1000.

    Dopo un 2007 eccezionale con la Suzuki, il pilota statunitense decise di passare alla Kawasaki ma i risultati furono decisamente negativi. Un 2008 segnato da brutte prestazioni sia personali che della moto, con la verdona costantemente nelle ultime posizioni. Poi la batosta di fine anno, con la quale “Hopper” si e’ ritrovato licenziato a causa dell’addio alla Motogp della casa di Akashi e fuori anche dal progetto Hayate Racing nato dalle ceneri del team Kawasaki che gli ha preferito, non si sa bene su che basi, Marco Melandri.

    Gia’ per il prossimo appuntamento del mondiale delle derivate di serie vedremo il pilota a stelle e striscie in pista con una moto non ufficiale ma che ha gia’ dimostrato conquistando un podio all’esordio a Phillip Island con Leon Haslam di essere competitiva. Ma il destino di Hopkins si incrocia sempre con i piloti di casa nostra. Per un Marco Melandri che gli soffia il posto in Kawasaki c’e’ un Roberto Rolfo che rimane appiedato per fargli spazio in Superbike. Infatti sara’ il piemontese a lasciare il team Stiggy per fare posto allo statunitense.

    Ho preso atto, con rammarico, della decisione del Team” – ha dichiarato Rolfo, ed ha aggiunto – “ed in particolare del fatto che gli sponsor abbiano espressamente chiesto di avere in squadra altro pilota per supportare il Team. Sulla base di questa situazione ho preferito concludere la mia collaborazione con il Team STIGGY, di cui ringrazio in particolar modo i meccanici tutti e coloro i quali mi hanno aiutato in questo breve inizio di stagione. Voglio precisare che la scelta, a scanso di equivoci, non nasce dalla mia condizione fisica, attualmente perfetta, ma esclusivamente da altre considerazioni non legate alla mia persona“.