Jorge “corre per la Spagna”, Valentino per “lo Spettacolo”?

Jorge "corre per la Spagna", Valentino per "lo Spettacolo"?

da , il

    Jorge e Valentino

    La prima giornata di prove libere ha già dato una buona panoramica sui protagonisti della prossima domenica, quando si correrà la seconda tappa del MotoMondiale 2008 sulla pista di Jerez de la Frontera.

    C’è chi gioca in casa, c’è chi è quasi come se lo fosse dato l’alto numero di vittorie su questo circuito.

    C’è però una variabile (che sembra esser diventata quasi una costante) in più quest’anno sul circuito spagnolo, ribattezzato “Lorenzo’s Land” per ovvii motivi.

    E la variabile è proprio il giovanissimo spagnolo salito su dalla due e mezzo e ora catapultato sotto i riflettori grazie alla sua guida (e all’elettronica).

    Sta di fatto che Lorenzo vince e convince.

    La pole e il secondo posto di Losail sono oro che Jorge prova ad “investire” sulla gara di Jerez, ossia “a casa”.

    Occasione ghiotta per lo spagnolo che tenterà il colpaccio a discapito di Valentino, sempre forte su questa pista.

    Proprio Jorge ha dichiarato: “La prima giornata qui a Jerez è andata davvero molto bene e sono felice di questo inizio. La mia moto qui è davvero competitiva, e lo abbiamo dimostrato oggi. C’è una buona impostazione di base, ci sarà del lavoro da fare, ma siamo sulla strada giusta. Il team ha fatto un grande lavoro, stesso devo dire della Michelin. Cos’altro aggiungere? Sarebbe bello ripetersi anche domani ed in gara, anche perchè questo è il mio GP di casa ed è come se tutta la Spagna ci stia seguendo…“.

    Varo. Il campioncino è giovane e spagnolo, la Spagna ama la MotoGP, completando il moto-sillogismo Traiamo che Jorge (così come Daniel Pedrosa) ha tutte le carte in regola per diventare il nuovo moto-idolo della penisola iberica.

    Dalla Spagna voliamo in Italia, dove il nostro idolo nazionale, Valentino Rossi, ha così parlato: “Dopo il weekend di Losail, trovarmi terzo questa mattina e secondo nel pomeriggio mi rende davvero felice! Qui mi sento bene in sella, la moto e gli pneumatici vanno bene anche se dobbiamo lavorare per cercare la costanza di rendimento sul ritmo gara. Oggi devo dire che mi sono divertito, sono abbastanza veloce e con una buona base in vista di domani. Ritrovare tre Yamaha in testa è un bel colpo, dimostra come la nostra moto sia competitiva. Parlando delle Bridgestone, ho un buon feeling e nel complesso stiamo migliorando la competitività del nostro pacchetto. Per domani daremo il massimo come sempre, speriamo nel bel tempo e che ci sarà un grande spettacolo“.

    Che Spettacolo sia, allora!