Jorge Lorenzo a Valentino Rossi: “Abbattiamo il muro”

Nel paddock Fiat Yamaha c'è chi vorrebbe abbattere il muro che separa i due piloti

da , il

    Dopo spruzzate di veleno, battibecchi, vittorie, sconfitte, ruzzoloni, cadute e manager iper-gelosi del proprio pilota, delle proprie gomme, della propria moto e del proprio team, dopo un 2008 per certi versi anomalo, sembra che il 2009 porti consiglio.

    Almeno, nel paddock Fiat Yamaha di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo.

    Separati in casa nel corso della stagione 2008 quando uno spesso telo divideva i due box per evitare lack of info o sbirciatine indiscrete, sembra che i due si stiano riappacificando, o meglio, stiano provando a trovare un punto di accordo.

    Niente più Berlino Est e Berlino Ovest nel paddock Fiat-Yamaha, ora è tempo di abbattere il muro e di vivere tutti insieme felici e contenti.

    Il piccolo spagnolo Jorge Lorenzo prova a lanciare l’ amo con alcune affermazioni a cavallo tra il desiderio di riconciliazione e la resa per nulla convincente: “Il muro è stata una scelta di Valentino. Adesso che utilizziamo le stesse gomme Bridgestone, credo che non dovrebbero esserci più segreti tra di noi. Siamo un squadra. Valentino è un grandissimo, ha vinto 8 titoli mondiali, 6 nella classe regina. Non capisco per quale motivo dovremmo continuare a lavorare separati.

    Desiderio di qualche sbirciatina durante la prossima stagione?

    Valentino capisce e taglia corto: “La Yamaha è un team con due piloti che lottano entrambi per il titolo. Quest? anno le cose hanno funzionato perfettamente, perché dunque cambiare? – e aggiunge – Se Jorge vuole, può sempre togliere la sua parte di muro?

    Gelo…