Jorge Lorenzo: “ho fatto un errore”

C'è tanta amarezza intorno a Jorge Lorenzo dopo la caduta rimediata durante il Gran Premio della Repubblica Ceca e che, con molta probabilità, sarà decisiva al fine dell'assegnazione del titolo di campione del mondo, sempre più a favore di Valentino Rossi

da , il

    Il grande protagonista in negativo, oltre allo spericolato Mika Kallio, è stato sicuramente Jorge Lorenzo. Infatti, lo spagnolo della Yamaha, con la sua caduta, ha complicato gravemente la sua corsa al titolo mondiale.

    Per il centauro maiorchino, il Gran Premio di Brno 2009 è stata una corsa da incubo poichè la sua sciagurata imbarcata, a 5 giri dalla conclusione dei giochi, ha consegnato nelle mani di Valentino Rossi un bottino di 25 punti.

    Anche se il distacco dal Dottore, in classifica generale, è salito in maniera vertiginosa a 50 punti, il Pirata della Yamaha si proietta con decisa convinzione al prossimo appuntamento ad Indianapolis.

    Con le ultime due cadute, tra le quali ricordiamo anche quella di Donington Park, Jorge Lorenzo potrebbe aver consegnato il campionato mondiale nelle mani del famelico compagno di squadra Valenitno.

    Nonostante questo triste presagio Jorge ha rilasciato le seguenti affermazioni: “Sono partito male e ho dovuto lottare con alcuni piloti, poi semplicemente non avevo il ritmo che avevo mostrato per tutto il fine settimana. Non c’è molto da dire se non che sono dispiaciuto per il team e per Yamaha. Farò di tutto per riprendermi in America.”

    A parte le suddette dichiarazioni di facciata è chiaro come il rider iberico della M1 abbia risentito psicologicamente dell’errore commesso nelle ultime tornate di Brno: “Ero decisamente più lento che in prova e sfortunatamente per me, Valentino era forte come in tutto il fine settimana. Ho dovuto spingere moltissimo per rimanere con lui. Verso la fine sono riuscito a tornare su di lui e passarlo, ma poi ho fatto un errore e sono caduto.”

    Anche Lorenzo, a questo punto, si sarà accorto che per fronteggiare un rivale al titolo come Valentino Rossi, ci vuole un giusto mix di coraggio e costanza di risultati, esattamente la stessa miscela che dovrà assolutamente trovare in America.