Jorge Lorenzo: “Montmelò per me pista speciale”

Il pilota della Yamaha, nato a Maiorca, considera infatti il circuito di Montmelò la "pista di casa" e non gli dispiacerebbe vincere per centrare il terzo primo posto consecutivo e cancellare la "beffa" subita lo scorso anno ad opera di Valentino Rossi

da , il

    Il Gran Premio di Catalogna – una delle quattro prove del Motomondiale che si corrono in Spagna – è una gara speciale per il leader della classifica iridata MotoGP 2010, lo spagnolo Jorge Lorenzo.

    Il pilota della Yamaha, nato a Maiorca, considera infatti il circuito di Montmelò la “pista di casa” e non gli dispiacerebbe vincere per centrare il terzo primo posto consecutivo e cancellare la “beffa” subita lo scorso anno ad opera di Valentino Rossi.

    Montmelo è una pista molto speciale per me, è la più vicina a Maiorca e sento la gente sostenermi.

    Perdere all’ultima curva proprio sul suo circuito di casa… Probabilmente la sconfitta brucia ancora e Jorge Lorenzo quest’anno vuole vincere anche per cancellare quel ricordo.

    Ho perso all’ultima curva, ma ora cercherò di tornare sul podio a festeggiare coi miei fans,” ha dichiarato Porfuera, “Disponiamo di un grosso vantaggio e questo ci permette di essere tranquilli, ma la squadra lavorerà sempre allo stesso livello.

    Anche se, a dirla tutta, senza la rivincita su Valentino anche un eventuale trionfo in solitaria non avrebbe sapore, e lo spagnolo del Team Fiat Yamaha dovrebbe saperlo…

    Lorenzo però preferisce ignorare i fantasmi del passato e concentrarsi sulla leadership in campionato: “Abbiamo ancora dodici gare davanti, il doppio di quanto ne abbiamo già disputate,” ha continuato, “Dovremo divertirci a Montmelò e poi, dopo queste tre gare consecutive, avremo una piccola pausa, una settimana per un periodo di riposo.”

    A Barcellona Lorenzo avrà anche un nuovo compagno di squadra: Wataru Yoshikawa, il 40enne collaudatore giapponese che prende il posto dell’infortunato Valentino Rossi.

    Wataru è emozionatissimo all’idea di guidare la M1 e ha dichiarato di volersi concentrare sullo sviluppo della motocicletta: “Dai risultati della squadra possiamo vedere che la Yamaha ha fatto un ottimo lavoro con lo sviluppo invernale della M1,” ha dichiarato, “Sono sicuro, le poche gare che disputerò saranno utili per l’ulteriore crescita della nostra moto.”