Kawasaki-Love: Valentino delle mie brame!

Kawasaki-Love: Valentino delle mie brame! C'è una sorta di sacra adulazione della verdona Kawasaki verso Valentino Rossi

da , il

    valentino rossi

    Questa è una di quelle notizie che non si sa come prendere.

    E’ vero che per correre come Valentino ci vuole non solo testa, ma anche cuore, come lo stesso Campione ha gridato più volte ai quattro venti, aerografando caschi con cuori, candeline, fragole etc…

    Ci vuole anche tanta “fama” (che, in questo caso, deriva dalla bravura) per essere desiderati solo dai più grandi nomi del Motociclismo internazionali, per riuscire a portarsi dietro nella nuova casa un manipolo di meccanici e tecnici della vecchia e per aprire le acque all’interno del proprio box dividendo Michelin da Bridgestone!

    Valentino, però, ha appena compiuto 29 anni.

    Giovane, giovanissimo. Ma non per la MotoGP evidentemente.

    In Yamaha hanno già iniziato a coltivarsi ben bene un nuovo talento che potrebbe, forse, diventare il successore di Vale, mentre in Kawasaki hanno iniziato a farsi due conti (senza l’oste?), il che significa essenzialemnte due cose: la prima, che la Kawasaki vuole crescere, la seconda… che qualcuno (Kawasaki) stia già pensando alla fase finale della carriera di Valentino?

    Potrebbe passare il concetto che “la Kawasaki ci abbia provato” ad adulare Vale. E’ certo, però, che qualche anno fa, in epoca di fragorose vittorie del Campione di Tavullia, ancora ampiamente under-30, non si sarebbe mai azzardata ad avances del genere.

    La notizia, trapelata poche ore fa, è sostanzialmente questa: “Rossi è in scadenza di contratto e ci pensiamo. Il nostro livello consente di farlo

    A proferir questa serie di parole è Mr. Michael Bartholemy, patron della Kawasaki, che aggiunge: “Non abbiamo mai parlato con lui, ma ci interessa. E’ ovvio che parlare di ingaggi con Rossi significa affrontare cifre importanti, ma per noi non sarebbe un problema. Anche perchè, con lui, non è certo difficile trovare gli sponsor.

    Un amore vero, a sentire le ultime parole della “cotta” di Bartholemy: “Dopo la Honda e la Yamaha dovrebbe sposare la Kawasaki“.