Kimi Raikkonen e Felipe Massa: l’obiettivo è il Gran Premio del Brasile

Kimi Raikkonen fissa come appuntamento decisivo il Gran Premio del Brasile, ultimo appuntamento della stagione

da , il

    Kimi Raikkonen e Felipe Massa: obiettvo Brasile

    E’ ironico che sia proprio Kimi Raikkonen a fissare come momento decisivo il Gran Premio del Brasile, ultimo appuntamento della stagione. Dovrebbe essere il re di San Paolo 2006 a parlarne ma, forse per scaramanzia, Felipe Massa non ci fa mai riferimento. E’ chiaro, però, che ogni tanto la mente gli tornerà alla sua gente e a che gioia potrebbe essere qualla di festeggiare lì il suo ingresso nella storia.

    I Ferraristi, infatti, sanno che se diventeranno campioni del mondo, ci riusciranno solo all’ultima gara. Con il loro distacco è già difficile agguantare la coppia McLaren, figurarsi se sarebbe credibile il poterli addirittura distaccare con qualche Gran Premio di anticipo.

    Per questo Kimi Raikkonen, come detto, coltiva la virtù della pazienza e, convinto di poter ancora ridurre il suo distacco in classifica, guarda già all’ultimo Gran Premio della stagione:“Mi viene sempre chiesto dopo ogni gara come andra’ il campionato e la mia risposta e’ sempre la stessa: dobbiamo aspettare l’ultima corsa in Brasile per dirlo, perché tutto puo’ accadere. Istanbul ne e’ stato l’esempio: Hamilton stava andando verso la conquista di un buon bottino di punti ma, improvvisamente, gli ha ceduto uno pneumatico; e’ vero che ha comunque fatto dei punti ma non tanti com’era nelle sue aspettative. E’ chiaro che lui ce la mettera’ tutta fino alla fine ma noi faremo altrettanto. Non bisogna dare nulla per scontato e dobbiamo spingere al massimo, gara dopo gara”

    Quello che ha fatto fino ad ora la differenza è proprio la costanza di rendimento. E, secondo Felipe Massa, sarà così anche da qui alla fine:“Pensando alla situazione attuale, ognuno di noi quattro piloti in cima al Campionato ha vinto tre gare ed e’ possibile che a fine stagione, nonostante sia salito piu’ volte sul podio rispetto agli altri, non conquisti il titolo. Questo vale ovviamente,anche per gli altri tre piloti. Sappiamo che la vittoria non e’ abbastanza ed e’ fondamentale essere costanti durante tutta la stagione, anche se quest’anno non sempre e’ stato cosi’ per noi. Ma abbiamo ancora cinque gare davanti a noi”.

    “Vincere ti porta sempre una grande spinta – ha proseguito il brasiliano – dopo la vittoria in Turchia lo scorso anno, ero molto piu’ forte mentalmente e anche questa volta la vittoria mi serve per essere sempre piu’ concentrato e motivato nelle ultime gare. Ora ci aspetta il Gran Premio di casa a Monza. Sara’ un momento importante del Campionato.”

    Sulla stessa lunghezza d’onda Kimi Raikkonen:“Ci aspetta Monza, dove dobbiamo spingere al massimo, come sempre. Credo che la Ferrari avra’ una macchina molto competitiva anche li’, per la gara di casa. Per me sara’ la prima volta a Monza da ferrarista: devo dire che sento gia’ la differenza rispetto al passato, anche se devo dire che ho sempre avuto un bel rapporto con i tifosi italiani. Sarebbe bello vincere e festeggiare insieme! Sara’ dura: so, per esperienza, che la McLaren li’ va sempre molto forte, non per caso l’anno scorso conquistai la pole. Detto questo, andiamo a Monza per vincere.”