Kimi Raikkonen: non mi muovo dalla Ferrari

Kimi Raikkonen parla dell'arrivo di Fernando Alonso in Ferrari e spiega che lui non ha ancora discusso il contratto con la Ferrari

da , il

    Montezemolo fa cabaret sulle spalle di Kimi Raikkonen che, in tutta risposta, sembra non avere alcuna intenzione di mettersi nel ruolo di spalla comica. Né tantomeno in quello di vittima. Durante la conferenza stampa che precede le prove libere ha dichiarato di poter e voler restare alla Ferrari anche nel 2010.

    KIMI RAIKKONEN. “Posso solo ripetere quello che dico da tempo e cioè che ho un contratto e che niente è cambiato”. Risponde così Raikkonen a chi gli chiede un punto di vista personale sul caso Alonso-Ferrari. “Se vogliono parlare con me di questo – aggiunge il campione del mondo 2007 ammettendo che, al momento, nessuno in Ferrari gli ha chiesto di farsi da partedobbiamo sederci ad un tavolo e discutere. Sono pienamente coinvolto e se così non fosse stato non avrei siglato il contratto nel primo posto utile”. Insomma, se quelle di Montezemolo sembrano parole di chi ha già deciso tutto, quelle di Raikkonen sono l’esatto contrario.

    FERRARI. Il finlandese ha parlato poco ma ha espresso almeno due concetti fondamentali. Il primo riguarda la propria volontà: lui si sente ferrarista ed in Ferrari ci vuole restare. Almeno fino al 2010. Questo, oltretutto, è molto coerente con quanto da sempre sostenuto. In tempo non sospetti, aveva dichiarato:“Non so quando sarà, ma finirò la mia carriera in Ferrari. Nel 2010 o forse più in là. Ma è certo che non mi vedrete con un’altra scuderia”. Il secondo elemento che emerge dalle parole di Raikkonen riguarda il comportamento di Montezemolo che si muove come se tutto fosse deciso ma, in realtà, nulla è stato discusso. Che stiano facendo i conti senza l’oste. Massa è confermato. Alonso è preso. Raikkonen c’è ancora. La terza macchina resta un miraggio. Quindi?