Kimi Raikkonen si racconta:’Smetterò presto’

Kimi Raikkonen si racconta ed ammette che non ha intenzione di ottenere tanti record in formula 1 come michael schumacher o di conquistare molte vittorie con la ferrari

da , il

    Kimi Raikkonen si racconta:’Smetterò presto’

    Non cambia idea Kimi Raikkonen. Aveva già detto qualcosa del genere nei mesi scorsi. Ora la ribadisce:”Voglio vincere ancora, ma non ho nessuna intenzione di fare dei record o diventare il pilota più vecchio di tutti”.

    Parlando ai microfoni di Sky Sport, il campione del mondo in carica tranquillizza i tifosi Ferrari sul suo immutato impegno, ma dimostra anche, a differenza di gente come Michael Schumacher, di avere altre priorità in mente.

    ”Voglio ottenere buoni risultati e vincere il maggior numero possibile di gare e mondiali - chiarisce Raikkonen – Ma non mi sono prefisso di infrangere il record di altri piloti o di restare in Formula 1 piu’ di chiunque altro. Lo faro’ finche’ sara’ una bella esperienza e mi piacera’. Il giorno in cui non dovessi piu’ divertirmi, mi fermerò”

    A chi gli fa notare che nel suo curriculum c’è scritto quante altre volte è andato vicino a vincere senza farlo solo per sfortuna, Kimi risponde con filosofia:“In alcuni momenti la fortuna non e’ stata dalla mia parte, ma c’erano anche molti altri motivi. Per lo meno ho vinto l’anno scorso e non è stato male”. “Quando si perde - ha aggiunto il pilota di Espoo - si impara sempre qualcosa. Non e’ il modo piu’ piacevole per imparare, ma da un certo punto di vista, aiuta. Ora sono contento e non penso molto alla fortuna. Se lavori sodo, ottieni quello che vuoi”.

    Lavorare sodo, appunto. Come altri grandi campioni Kimi Raikkonen sembra vedere il duro lavoro come un male necessario. Lungi da noi il sostentere che sia uno scansafatiche. Ci sembra di capire, però, che anche lontano dalle corse il finlandese stia benissimo. Questo elemento lo mette, invece, in netta controtendenza con alcuni campioni del presente e del passato recente come Michael Schumacher o Fernando Alonso i quali sembra che vivano solo ed esclusivamente in funzione del loro mestiere.

    Non a caso il settevolte campione del mondo naviga ancora come un’anima in pena tra il box e la squadra test, in attesa di trovare la sua reale dimensione. Ecco: Kimi ci dà l’ìdea che questi problemi non ne avrà mai. Nel 2009 sarà un trentenne nel pieno della carriera ma, se le motivazioni fossero finite, potrebbe rinunciare al rinnovo con la Ferrari per decidere già di appendere il casco al chiodo. Perlomeno quello della Formula 1, per dedcarsi in modo totalmente rilassato ai rally o una delle tante sue altre passioni.