Kimi Raikkonen si ritira? Troppo clamoroso per non essere vero

continuano le voci che parlano di un possibile ritiro di kimi raikkonen a fine 2008 o a fine 2009

da , il

    Kimi Raikkonen si ritira? Troppo clamoroso per non essere vero

    Ci sono due correnti di pensiero che si stanno sfidando in questi giorni nell’opinione pubblica. La prima dice che Raikkonen vincerà il secondo titolo mondiale con la Ferrari e, d’accordo con la Scuderia, lascerà la F1 con un anno d’anticipo sui piani previsti. La seconda sostiene che siano tutte balle e che Kimi non solo resterà, ma rinnoverà persino per altri 3 anni.

    Il punto è che entrambe le soluzioni sono realistiche nella loro parziale infondatezza.

    Kimi Raikkonen più volte ha dichiarato di non essere interessato ai record ed ha fatto capire che per i suoi gusti ha già accumulato sufficiente gloria (e soldi) per godersi la vita privata tra lusso, amici e moglie uscita dal catalogo di Miss Scandinavia. Ha tutto per essere invidiato e, cosa ancora più importante, ne è perfettamente consapevole.

    A differenza di Schumi che non sa mai dire basta e che a 38 anni era ancora lì che voleva provare a mettere l’ottavo trofeto in bacheca, il nuovo idolo dei ferraristi ha un atteggiamento molto più pragmatico.

    Di contro, risulta difficile immaginare che a 29 anni lui, che in questo mondo c’è nato e cresciuto, riesca davvero a dire STOP, per giunta con un anno d’anticipo. Se dovessimo scommettere dei soldi, daremo per scontato che andrà fino in fondo col suo contratto e poi ad inizio 2009 farà sapere alla squadra le sue intenzioni.

    Ha detto Kimi in tempi non sospetti:“Nel 2009 lascio la F1 o rinnovo con la Ferrari. Non prendo in considerazione altre squadre”. Rimanere altri 2 o 3 anni per lasciare un segno ancora più profondo è un qualcosa troppo nebuloso ad oggi nella mente del finlandese. L’appetito, però, si sa, vien mangiando. Per buttarsi nei rally come hobby ci sarà tempo, per lasciare indelebile la propria firma nella storia della massima competizione motoristica, ci sarà bisogno di uno sforzo supplementare che, al momento opportuno, potrebbe sembrare giustificato.

    Dire che Kimi si ritirerà nel 2008 è folle. Fissare la data al 2009 è rischioso perché, in fin dei conti, la decisione è nella mani di uno che ancora non l’ha presa. Il problema però c’è. Che queste notizie sfuggano, scappino e si moltiplichino significa solo una cosa: non può non esserci sotto qualcosa di vero.

    Vero come i contatti/segnali tra Maranello ed un bel numero di nomi interessanti che vanno da Alonso a Kubica e passano per Vettel fino ad arrivare a giovanissimi talenti da far crescere con il paradosso di trovarsi nel 2010 ad avere Felipe Massa come prima guida indiscussa e portare a compimento il piano della famiglia Todt. Qualcun’altro sa spiegare in modo più plausibile, altrimenti, perché quello strano quanto illogico e anticipato rinnovo col brasiliano?