by

La “brum” del Capo ha un buco nella gomma.

Domenica 14/05/2006 da Chari in Valentino Rossi, Yamaha MotoGP

    Devastante. Impressionante.
    Rossi ai box.
    La gomma, anzi, entrambe le gomme della M1 gialla di Valentino, cedono.

    Devastate. Sfilacciate.
    Era capitato anche a Max a Motegi, ricorda Capirossi, non è colpa del chattering, ma solo delle gomme. Se sono uguali a quelle degli altri, è ovviamente colpa delle gomme.

    Lo ricorda Loris, lo ricorda Valentino in un’intervista ancora a caldo, quando la rabbia non è ancora sbollita e le parole sono taglienti come non mai.

    Mentre sta rimontando, mentre sta per acciuffare Hopkins, raggiungere Edwards e salire sul terzo gradino del podio, Valentino è costretto al ritiro. Colpa? Una gomma, l’anteriore (anche se la posteriore non sta meglio).
    Torna ai box, ma non c’è nulla da fare. Il pneumatico è a pezzi, manca un’area intera di battistrada, si vedono sfilacciature in vari punti, addirittura la tela, gomma dechappata, per cambiarla occorrerebbero più di 40 secondi.
    Gara conclusa a 5 giri dalla fine e 16 probabili punti buttati al vento.

    Valentino è rovente di rabbia. Parla prima Davide Brivio: “ Vale l’ha presa male, è una stagione piena di difficoltà, oltre a quelle che noi abbiamo arrivano anche dall’esterno, non bastava Elias alla prima gara, ci si mettono pure le gomme. Certo che l’abbiamo presa male, continuiamo a lottare, ma oltre alla sfortuna non trovo altre spiegazioni.
    Aspettiamo, in questo momento, di avere spiegazioni plausibili da parte della Michelin, se tutti gli altri piloti montavano la stessa gomma, evidentemente quella di Valentino era difettosa.
    L’avete vista tutta, era desciappat

    a. Aspettiamo e vediamo cosa arriva dal quartier generale della Michelin

    Ma alla diplomazia di Davide Brivio, non fa eco quella di Valentino, che per la prima volta si mostra deluso, amareggiato e accusatorio verso una delle più note case di pneumatici.
    Di solito concilianti, questa volta le parole di Rossi fugano ogni dubbio.

    Rossi: “ Avrei fatto podio quasi di sicuro. Hopkins l’avevo raggiunto ed con Edwards non avrei avuto problemi a superarlo, me lo sento. La moto si guidava bene, c’era chattering, certo, ma potevo prendere altri 16 punti. Siamo a -32, la situazione è difficile.
    E’ colpa della Michelin. Abbiamo parlato questa mattina con i tecnici gommisti, ci hanno consigliato di montare una gomma più dura di quella che volevamo mettere noi, perché la loro morbida non andava bene.
    La Michelin ha sbagliato 2 volte con noi. La scelta di quella gomma era sbagliata e per giunta ci hanno dato una fallata.
    Anche a Brno nel 2002 mi era successa una cosa del genere, ma alla posteriore.
    E’ ovvio che la Michelin dovrebbe capire un po’ di più, dovrebbe pensare un po’ di più.
    Se almeno si riuscisse a provarle, le gomme, come fanno gli altri, sarebbe meglio per tutti.

    Non ci sono scuse, non ci sono mezze parole. E’ tutto lampante per Valentino, che si ritrova a -32 dalla testa della classifica e a serio rischio, a questo punto, di non vedere il suo nome in cima alla classifica di fine stagione che, a meno di grandi stravolgimenti, sembra ormai compromessa per lui.

    Viene da pensare.
    …sarà che Pernat ci ha preso ieri?

    SCRITTO DA Chari PUBBLICATO IN Valentino RossiYamaha MotoGP Domenica 14/05/2006