La Ducati dice: “Estoril non ci è amica”

La Ducati dice: "Estoril non ci è amica"

da , il

    marco melandri

    Parola di Marco “Macio” Melandri, alla sua terza gara ufficiale con la desmodromica tuta Ducati.

    Il pilota italiano parla della pista su cui si correrà la terza tappa del MotoMondiale 2008, dopo gli appuntamenti del Qatar e di Jerez.

    Probabilmente la pista dell’Estoril è un’altra di quelle che non ci sono esattamente amiche – dice Marco sul sito Ducati però è inutile fare previsioni, aspettiamo di arrivarci per vedere come andrà. É una pista particolare, con curve lente e veloci e un rettilineo dove raggiungi velocità molto elevate ma non si può dire che sia completa perchè non ci sono molti punti tecnicamente impegnativi. Sarà molto importante essere a posto in frenata questo sì, e trovare un buon compromesso nella messa a punto. Spero di riuscire a cominciare meglio le prove e di crescere un po’ alla volta, cosa che finora non ci è riuscita. Il dito che mi sono infortunato a Jerez è praticamente a posto, credo che non userò nemmeno la fasciatura, ho limato un po’ l’unghia e va bene così

    Stessa cosa anche da Stoner: “L’Estoril è una pista un po’ particolare, con una parte molto bella e filante e una più tortuosa e fin troppo lenta. Uno dei mie punti preferiti è la curva numero due, in discesa ed in contro-pendenza, molto difficile ma bellissima. In generale è una pista che offre molti punti dove si può sorpassare quindi anche la gara dovrebbe essere spettacolare. L’anno scorso avevamo fatto delle belle prove, mancando la pole per un soffio e poi in gara, anche se abbiamo avuto un piccolo inconveniente tecnico, abbiamo fatto il podio. In teoria se riusciremo a lavorare bene fin da subito e non sorgeranno difficoltà inattese potremmo tornare a lottare per la vittoria

    Chiude il “coro Ducati” il Manager Livio Suppo: “Estoril è sempre un circuito difficile, visto che le condizioni meteo cambiano molto velocemente ed il vento è quasi sempre presente in maniera fastidiosa per i piloti. Credo che proprio il meteo potrebbe essere la variabile più importante del week end, ma… sarà uguale per tutti! Il giorno di test il lunedì dopo il GP di Jerez è stato positivo sia per Casey che per Marco. Insieme ai tecnici Bridgestone sono state individuate nuove soluzioni che Casey ha apprezzato e che pensiamo siano un buon sviluppo del materiale attuale. Per Marco l’infortunio al dito non dovrebbe creare grossi problemi, quindi siamo sicuri che continuerà a migliorare il suo feeling con la sua moto