La spy-story continua: Ron Dennis e Martin Whitmarsh ascoltati dalla Procura di Modena

Spy story continua: Ron Dennis e Martin Whitmarsh ascoltati dalla procura di Modena

da , il

    Spy story continua: Ron Dennis e Martin Whitmarsh ascoltati dalla procura di Modena

    Se la vicenda sportiva è chiusa a tripla mandata, sigillata e archiviata nel posto più lontano sulla Terra con annessa tanta voglia di dimenticare quanto prima lo scandalo, dal punto di vista legale è ancora in corso in Italia e in Gran Bretagna l’inchiesta sullo spionaggio di cui la Ferrari è stata vittima e che ha visto coinvolto il team McLaren.

    Il magistrato incaricato, Giuseppe Tibis, ha già ascoltato nei mesi e nelle settimane scorse alcuni protagonisti come Fernando Alonso e Pedro De La Rosa. Ora, però, toccherà anche ai massimi dirigenti della scuderia McLaren Ron Dennis e Martin Whitmarsh i quali, assieme al direttore degli ingegneri Paddy Lowe a al protagonista della spy-story, il capo progettista Mike Coughlan, si dovranno recare all’audizione prevista per il prossimo 18 febbraio.

    Altre audizioni, in data da comunicare, sono previste per Nigel Stepney e per personaggi più o meno coinvolti come il dirigente del team di Woking Jonathan Neale e il progettista Rob Taylor.

    Dal punto di vista sportivo la Ferrari ha ottenuto a malapena ciò che le spettava. Come ha dichiarato il presidente della FIA Max Mosley, è stato un bene che Raikkonen abbia vinto sul campo, in questo modo sono state scongiurate le polemiche sulla presunta illegittimità di un titolo vinto da un pilota McLaren. Da parte degli attori in gioco c’è stato soprattutto l’interesse a chiudere in fretta e dimenticare ancor prima.

    Dal punto di vista legale, invece, è tutto ancora in ballo ed è soprattutto Nigel Stepney, accusato che si è messo a fare persino l’accusatore, a rischiare più grosso di chiunque altro.