Laguna Seca MotoGp 08: uno scorrettissimo Rossi ruba la vittoria a Stoner!

commento al gran premio di laguna seca della motogp 2008 dove casey stoner è finito secondo dietro a valentino rossi il quale viene accusato da più parti di scorrettezza per aver usato anche delle mosse illecite pur di tenere dietro il suo avversario che per questo motivo è caduto

da , il

    uno scorrettissimo Rossi ruba la vittoria a Stoner!

    Il nuovo drammatico episodio di questa incredibile Saga MotoGp 08 andata in scena qui nel catino californiano di  Laguna Seca  ha visto uno scorrettissimo Rossi letteralmente rubare la vittoria a Stoner, con una condotta di gara criminale, tutta tesa soltanto a non far passare l’avversario a tutti i costi, con l’intento dichiarato di farlo cadere o sbagliare.

    Chi ha REALMENTE perso oggi NON è stato certo l’asso australiano, ma lo sport in generale, umiliato da chi come Rossi gioca intenzionalmente scorretto e approfitta della assoluta insipienza – ed a questo punto, della connivenza e complicità – della Federazione Internazionale e della Dorna, eterne sue compagne di merende, che gli hanno sempre permesso le sue perfide scorrettezze, in pista e fuori, senza MAI punirlo come avrebbe invece SEMPRE meritato.

    Questo Campionato MotoGp 2008 è ormai falsato e se mai dovesse vincerlo l’urbinate in forza di quanto oggi si è visto in pista, gli resterebbe eternamente addosso il marchio di LADRO e BARO, a sua eterna vergogna.

     

    Me lo aspettavo, prima o poi.

     

    La manifesta impotenza di Rossi a contrastare lealmente e correttamente il Genio di Curri-Curri sul piano della Classe e della Velocità pure gli ha fatto concepire un piano criminale, addirittura diabolico qui a Laguna Seca, qualcosa che, come tutti sanno, di certo non è nuovo da parte di codesto triste soggetto.

     

    Tutta la carriera di questo individuo è lì a dimostrarci che, quando non poteva vincere per suoi meriti, lo abbia fatto – a parte la famosa faccenda, che poi ha dovuto ammettere lui stesso, della clamorosa truffa delle gommine speciali confezionate nottetempo solo ed esclusivamente per lui – a suon di INTENZIONALI scorrettezze ed intimidazioni, anche a costo di far uscire di pista e far cadere l’avversario di turno, e perfino di cadere lui stesso, se necessario.

     

    Come ho già detto tante volte, l’individuo in questione NON è certo nuovo a simili slealissime imprese. Tutti sanno come la carriera di Gibernau sia stata distrutta dalla tremenda ingiustizia patita a Jerez 05, quando l’urbinate lo spinse INTENZIONALMENTE fuori pur sapendo benissimo che sarebbe andato dritto in quella famosa curva…………cosa ovviamente successa appunto pari pari, ma rimanendo – vedi un pò il caso – in pista, mentre per il povero Sete c’era ovviamente la sabbia ad attenderlo. Anche quella volta all’individuo fu impunemente concesso NON SOLO di barare, ma di farlo METTENDO IN PERICOLO LA VITA DEGLI ALTRI!

     

    Chi si intenda un pochino di corse ha capito SUBITO quali fossero le REALI intenzioni di codesto storico pirata della pista, assistendo allo spettacolo terrificante oggi propinatoci dal soggetto in questione in sella alla Yamaha Fiat.

     

    Costui è partito con la fermissima, manifesta INTENZIONE di annientare psicologicamente, con l’uso di OGNI scorrettezza possibile ed immaginabile, un avversario nettamente MIGLIORE DI LUI sul piano della Classe e della Guida Pura, pur in sella alla peggiore moto in campo.

    Stoner si è reso conto immediatamente di avere a che fare con un pazzo scatenato, con dichiarate intenzioni omicide, decisissimo a non farlo passare a qualsiasi costo ed anzi a farlo finire a terra alla prima occasione, e ciò lo ha reso evidentemente molto più guardingo del solito, pur essendo nettamente più veloce del pirata urbinate.

     

    TUTTI, oggi, si sono immediatamente accorti di questo. Casey non osava quasi tentare di superare, pur avendo come ho detto un ritmo potenziale nettamente migliore, che lo avrebbe poi portato ad allontanarsi rapidamente!

     

    Stoner ha tentato pù volte di passare correttamente l’avversario, ma è stato sempre di nuovo coinvolto dal gioco sporco di questo (che per per brevità d’ora in poi chiamerò soltanto individuo, non volendo neppure più nominarlo), non riuscendo subito a staccarlo, una volta davanti, a causa soprattutto della assoluta assenza di un QUALSIASI rettilineo degno di questo nome in questa ridicola pistina californiana, dove l’agilissima e migliore moto del rivale risulta comunque nettamente avvantaggiata.

     

    A parte l’episodio del “taglio” del cavatappi da parte dell’individuo, che lo ha comunque avvantaggiato (infatti a quel punto stava per essere superato dall’avversario) e che per un pelo non ha mandato in terra entrambi, potrei elencare almeno una mezza dozzina di episodi in cui questi ha deliberatamente tentato di far cadere o comunque far uscire di pista Stoner, fino al cruciale episodio del supposto “errore” di quest’ultimo, in seguito al quale è poi finito nella sabbia – e QUI semmai c’è stato un suo VERO errore, seppur ovviamente indotto e causato da altri, Casey infatti avrebbe potuto, essendo più reattivo, con una sterzata appena appena più decisa rimanere sul ciglio della carreggiata, evitando così poi di finire sulla terra e poi di cadere lasciando rallentare troppo la moto sul soffice, per giunta in un goffo quanto assurdo tentativo di piega – ed in seguito è caduto.

     

    Ebbene, NON c’è stato proprio NESSUN errore di Stoner. Questi è stato FATTO SBAGLIARE, ed in ultima analisi poi CADERE dall’individuo, che ha anticipato INTENZIONALMENTE moltissimo la frenata nel tentativo (putroppo riuscito) di indurre in errore l’avversario!

     

    Lo si è visto del tutto CHIARAMENTE. Chiunque abbia corso il pista, lo avrà certamente notato.

     

    L’individuo ha frenato clamorosamente in anticipo, SENZA alcun motivo apparente al mondo, SALVO ovviamente quello di far rischiare a Stoner, che lo seguiva vicinissimo, di tamponarlo! Sapeva bene che, nella disperata manovra messa in atto da Casey per evitare il tamponamento (la cui colpa, per ulteriore beffa, sarebbe poi stata appioppata allo stesso Campione australiano!), questi sarebbe quanto meno andato largo, e molto probabilmente uscito di pista.

     

    L’individuo ha corso ovviamente egli stesso un rischio, ma del tutto calcolato. Sapeva bene che non avrebbe MAI potuto battere Stoner giocando pulito. Era deciso, decisissimo ANCHE ad andare in terra assieme a lui: SE pure infatti entrambi fossero finiti out, Casey sarebbe rimasto a meno venti punti, molto meglio che a meno quindici!

    Ovviamente, se il suo piano non avesse avuto successo in quel giro, l’individuo ci avrebbe subito riprovato in quello successivo, magari in un’altra staccata.

     

    Un simile gambling a QUESTO punto del campionato, poi, ci sta praticamente a pennello, pensateci bene: con un mese di pausa davanti, il soggetto in questione avrebbe anche potuto farsi qualche sbucciatura o anche peggio, ma essere ugualmente pronto e fresco come una rosa per Brno!

    L’individuo, tanto intelligente quanto diabolico e perfido, infatti NON avrebbe MAI messo in atto questo terroristico comportamento per esempio al Sachsenring, in vista di un altro Gp la settimana dopo! QUESTA era l’occasione ideale, supremamente adatta, per perpetrare questo infame progetto.

     

    Il realtà il suo slealissimo piano alla fine è riuscito, MA solo a metà: NON aveva infatti previsto che l’asso australiano riuscisse a rimontare in sella così celermente, ed arrivare comunque secondo, alla emeritissima facciaccia sua!

    Casey inoltre, ci spiace TANTO per l’individuo, NON è rimasto affatto intimidito da questo episodio.

     

    Il giovane Campione, perfettamente ed olimpicamente calmo in apparenza, si è limitato ad esporre signorilmente le sue ragioni, in una maniera fin troppo misurata – ben sapendo come accusare troppo apertamente l’individuo, e dicendo ciò che REALMENTE pensasse di lui, avrebbe fatto solo il suo gioco – ma riuscendo COMUNQUE a denunciarlo e sbugiardarlo ben bene di fronte al Mondo intero.

     

    La sua deliberata finzione si è spinta perfino ad addossarsi la colpa di quell’errore, che invece sapeva benissimo, dentro di sè, NON essere affatto sua. Ha fatto buon viso a cattivo – e sporchissimo – gioco, ma chiunque, vedendolo, ha capito come stesse solo cercando di calmarsi dietro un sorriso, dicendo parole del tutto vaghe e diplomatiche, dopo i tremendi rischi che l’individuo gli aveva appena fatto correre in gara. Stoner, infatti, dentro di sè era invece arrabbiatissimo, e con piena ragione!

    Un altro, forse QUALSIASI ALTRO, appena sceso di sella sarebbe volato immediatamente alla gola di quell’emerito pirata della pista. Io compreso, ed avrei sbagliato.

     

    Stoner invece ha ragionato e si è trattenuto, ed ha fatto bene.

     

    L’individuo era già in ascolto, ed avrebbe goduto immensamente nel vedere il povero Casey lamentarsi oltre misura del suo perfido e sleale operato. Invece è rimasto amaramente deluso, lo si è capito benissimo dal patetico sorriso, ebete e scimmiesco, con cui ha commentato le tiepide e misurate dichiarazioni di Casey, che appunto NON gli ha dato assolutamente soddisfazione alcuna. In realtà il soggetto in questione è apparso basito, quasi smarrito, come si fosse atteso (ovviamente, sapendo benissimo quello che aveva fatto durante la corsa……..:) fuoco e fiamme, o quanto meno una ben altra reazione.

     

    Povero il mio patetico individuo, si aspettava che Stoner piangesse di rabbia………:)

     

    L’asso australiano ha comunque pacatamente detto chiaro e tondo ciò che TUTTI, e DA ANNI, in realtà pensano, e cioè che SE avesse commesso LUI quelle scorrettezze, che più volte lo hanno portato quasi a finire in terra, e poi infine a cadere davvero, àpriti cielo, sarebbe stato evidentemente subito crocifisso e penalizzato, mettendo pertanto bene in evidenza che invece all’individuo sia sempre e comunque – e del tutto ingiustamente – concesso tutto, anche il rischiare di far ammazzare la gente!!

     

    SI, perchè la posta il gioco in questi casi è appunto LA PELLE, ed allo scorrettissimo individuo in questione da TROPPO TEMPO è stato concesso di GIOCARCI criminalmente ed impunemente, ovviamente con quella DEGLI ALTRI (perchè se si ammazzasse DA SOLO, la cosa riguarderebbe ovviamente solo lui, e nessuno ci troverebbe certamente alcunchè da ridire………:).

     

    Ti illudi stupidamente di aver ottenuto qualcosa, caro il mio individuo, se non aver rubato dei punti mondiali che non ti spettavano assolutamente, e dimostrato ancora una volta al Mondo intero la tua assoluta mancanza di sportività, nonchè la tua studiata, arrogante ed assurda perfidia, che a questo punto ha perfino storicamente superato quella pur proverbiale di Phil Read.

     

    Stoner però NON è certo Gibernau o Pedrosa – nè il povero, Grande Bill Ivy, la vittima prediletta della Carogna di Luton – lo hai reso solo più cattivo, deciso e determinato, e te ne accorgerai ben presto!

     

    Restano infatti ben SETTE Gp alla fine del campionato, e Stoner rischia serissimamente di vincerli TUTTI. Cosa potrai perpetrare ancora, quali altre carognate inventerai?

     

    Anche arrivando sempre secondo, la posizione che meriti (perchè come diceva il Grande Walter Villa – che appunto odiava profondamente arrivare in seconda posizione, e che conseguentemente ci è finito pochissime volte, solo TRE a fronte di ben 24 vittorie in Gp – il secondo è solo il primo degli sconfitti), PERDERAI UGUALMENTE IL MONDIALE, un onore che assolutamente NON spetta ad un pilota sleale come te.

     

    NE’ LO AVRAI, DEL RESTO.

     

    Il resto di questo ancor lunghissimo Campionato, ormai comunque falsato e macchiato irrimediabilmente da questa giornata nera, lo dimostrerà ampiamente.

     

    CASEY LO VINCERA’ LO STESSO, alla emeritissima facciaccia TUA, e di CHI PERMETTE che questi vergognosi episodi accadano ancora. Infatti, le VERE COLPE di tutto questo NON sono SOLO dell’individuo.

     

    Questi si comporta da sempre così perchè nessuno mai lo ha mai riportato alla realtà, punendolo subito duramente, come andava fatto fin dall’inizio. I troppi, immensi INTERESSI ECONOMICI che ruotano attorno a codesto individuo lo hanno negli anni di fatto reso INTOCCABILE, come un bullo di periferia, uno squallido, borioso e prepotente furbettino del quartierino a cui tutto è perennemente concesso, ed ingiustamente perdonato.

     

    I VERI RESPONSABILI di questo assurdo e criminale andazzo sono dunque anche e soprattutto i vertici della Federazione Internazionale e della Dorna – che indifferenti ed imperturbabili permettono che accada, come del resto hanno fatto da sempre – organismi in cui l’individuo gode di protezioni mafiose altissime e ferree, per i motivi già detti.

     

    E’ principalmente CON LORO che ce l’ho a morte.

     

    Sono LORO, quei pavidi ed incompetenti dirigenti, codesti ridicoli parrucconi della FIM, che da generazioni hanno SEMPRE lasciato che queste assurde ingiustizie accadessero, e che corressero via perennemente impunite, fin dagli albori del Motomondiale, ancor prima dei tempi dei vari Read, De Vries & compagnia (carogna) bella.

     

    L’individuo è come ormai tutti sanno un proverbiale imbroglione per natura (gommine esclusive in primis…….:), ed agisce dunque di conseguenza. Gode nel distruggere psicologicamente i suoi avversari, usando però sempre mezzi cinici e patentemente sleali, ed in qualche caso, come oggi, realmente criminali. Lo fa da sempre, perchè nessuno lo ha MAI fermato e punito come meritava: è essenzialmente un perfetto infantiloide, un caso da manuale, già nato megalomane di suo, per giunta cresciuto pure peggio, mai punito, male educato e viziato in misura ancora più deteriore.

     

    Il fatto che sia ANCHE un grande, anzi un grandissimo pilota (come ho del resto sempre detto) NON lo giustifica AFFATTO.

    ANZI! I migliori, proprio perchè sono superiori agli altri, hanno anche l’implicito dovere di essere pure i più corretti!

     

    Il punto, in sostanza, è proprio QUESTO. Alcuni, sbagliando in pieno, pensano ancora che all’individuo, visto che si dà il caso che sia anche bravo, si debba concedere e perdonare perennemente tutto, persino le carognate e le ingiustizie più evidenti.

     

    Sbagliate, SBAGLIATE DI GROSSO, signori miei.

     

    Ho visto con i miei occhi correre piloti ASSAI MIGLIORI dell’individuo, campioni VERI, di bravura ma anche di lealtà, sportività ed assoluta signorilità, di una correttezza proverbiale ed assoluta, come ad esempio Jarno Saarinen e Mike The Bike Hailwood, che NON si sarebbero MAI SOGNATI di perpetrare le scorrettezze, sempre più scoperte, che DA ANNI l’individuo commette impunemente!

     

    Che rimpianto ho per gente splendida ed indimenticabile come Jarno, come Mike, il Più Grande Campione di Tutti i Tempi, Maestro Assoluto anche di simpatia, modestia e sportività, che quando ti sverniciava superandoti di Maestria Infinita ed Inarrivabile Classe talvolta ti dava una leggera pacca sul sedere, non certo per umiliarti, ma anzi come per consolarti ed incoraggiarti, invitandoti a seguirlo, se potevi………..

     

    Talvolta i piani dell’individuo, come del resto tutti sanno, sono riusciti in pieno, come nel caso del povero Gibernau.

    Anche Pedrosa ha nei suoi confronti una sudditanza psicologica del tutto evidente.

     

    Con Biaggi, pilota invece fortissimo anche psicologicamente e ben sicuro di sè, che lo ha battuto più volte, pur sempre penalizzato nei confronti diretti dal cavalcare moto di gran lunga inferiori alle sue, il gioco invece NON gli riuscì, ed allora cospirò con i suoi altolocati complici per farlo addirittura cacciare dalla MotoGp, con un abile gioco di veti incrociati tessuto senza dubbio anche da lui stesso (come quando ad esempio pose il suo deciso veto al Team Yamaha Clienti che nel 2006 voleva ingaggiare Max).

     

    Neppure con Stoner, del resto, le sue sporche manovre avranno successo, e se ne accorgerà tra non molto. La sua crudele e continua perfidia, la sua ennesima carognata impunita NON gli porteranno alcuna fortuna questa volta, ve lo garantisco.

      

    uno scorrettissimo Rossi ruba la vittoria a Stoner!

     

    Alla ripresa del campionato le sue illusioni andranno letteralmente in pezzi.

    Circa il resto della gara odierna, spendo parole di elogio per Vermeulen, al suo secondo podio consecutivo,  e sempre a suo agio qui a Monterey (dove del resto l’anno scorso arrivò addirittura secondo)  e per la splendida prova di Dovizioso, al debutto assoluto su questa insidiosa pista! Se Andrea dovesse approdare il prossimo anno in HRC, se lo sarà davvero meritato.

    In tal caso, però, guardati sempre le spalle, Dovi, là gli accoltellamenti alle terga sono la regola………:)

     

    Concludo riaffermando che oggi, in una giornata che resterà come una delle pagine più nere in assoluto della Storia recente del nostro Sport, al più veloce, al più meritevole, al MIGLIORE in pista è stato del tutto scorrettamente, fraudolentemente impedito di vincere, come invece gli sarebbe giustamente spettato.

     

    NON SOLO. Per perpetrare questa ennesima ingiustizia è stata addirittura messa in pericolo la sua STESSA VITA.

     

    NON andrà PIU’ così in futuro.

     

    Vedere, per credere.

     

    Patetico individuo, ci vediamo a Filippi, pardon, a Brno!

    DONOVAN

    Foto: Motoblog.it