Le gare più belle della SBK 2016, la classifica

La stagione di SBK 2016 ha visto i piloti sfidarsi in emozionanti Gran Premi. Ecco la classifica delle gare più belle della stagione 2016.

da , il

    Prima di tuffarci nella nuova stagione di Superbike, ripercorriamo la storia della SBK 2016, con le sue cinque gare più belle dell’anno. La prima parte della stagione è stata in assoluto un assolo di Jonathan Rea e della Kawasaki che hanno dominato in lungo e in largo lasciando agli altri soltanto le briciole. Ma dopo una prima fase ad appannaggio esclusivo del campione del mondo, si sono affacciati prepotentemente Chaz Davies con la Ducati, vero leader della parte finale del campionato e pilota che ha ottenuto più vittorie nel corso della stagione, e Tom Sykes che ha battagliato per il titolo fino all’ultima gara. Vediamo dunque la top five della SBK 2016.

    5. Magny Cours, Gara-2

    La gara-2 di Magny Cours in Francia fu davvero spettacolare e dalle forti emozioni. Alla fine a spuntarla fu un indiavolato Chaz Davies, capace di una rimonta eccezionale sulle Kawasaki, riuscendo a dare alle due verdi un gran bel distacco. Il podio alla fine fu completato dagli altri duellanti, Rea e Sykes. Il campione del mondo riuscì a strappare una seconda piazza con i denti, dato che Sykes per lunghi tratti fu il leader di quella gara. Quarto uno strepitoso Leon Camier, che fu in grado di portare ancora una volta in alto la MV Agusta, davvero fenomenale.

    4. Sepang, Gara-2

    La pioggia stravolse le carte in tavola sul circuito di Sepang, così a spuntarla in gara-2 fu un fantastico Nicky Hayden, che ottenne la sua prima vittoria in questa categoria, e riportando la CBR sul gradino più alto del podio. Gara splendida di Davide Giugliano che chiuse al secondo posto dopo aver fatto una rimonta davvero notevole. Per l’ultimo gradino del podio a spuntarla fu Jonathan Rea, che sconfisse dopo una tenace sfida Chaz Davies, quarto alla bandiera a scacchi. West fu la sorpresa della giornata, il mago del bagnato è giunse quinto al traguardo.

    3. Assen, Gara-2

    La gara-2 di Assen è stata spettacolare e incerta a causa anche delle condizioni climatiche che avevano influito e non poco sull’andamento della gara, e sulle scelte delle gomme dei piloti. Chi per primo era riuscito a cambiare il proprio pneumatico fu poi in grado di andare al comando, ed è quello che successe a Jonathan Rea che dopo partì con gomme da bagnato andò prima degli altri a montare le dry, andando a vincere una gara difficile dopo un’aspra battaglia con Sykes, che invece aveva montato le intermedie. Completò il podio l’olandese e idolo di casa Van Der Mark.

    2. Misano, Gara-1

    Gara-1 pazza quella di Misano che vide vincere Jonathan Rea in volata su Sykes che provò fino all’ultimo a sopravanzare il compagno, non riuscendoci e venendo sconfitto solo al photofinish. Sin dalla partenza ci furono delle cose anomale, Xavi Fores fu autore di un sorpasso avventato che fece cadere immediatamenteLorenzo Savadori e mandato lungo Camier ma soprattutto Davies che andò fuori pista. Quest’ultimo realizzò una gara da assoluto funambolo, chiudendo al quarto posto, dopo una rimonta assurda. Il podio fu completato da Michael Van Der Mark per una delle gare più scoppiettanti della stagione.

    1. Thailandia, Gara-2

    Sembrava un’altra gara destinata ad essere catturata da quel “cannibale” di Jonathan Rea, ma alla fine dopo una difesa robusta e coriacea, la vittoria se la portò a casa Tom Sykes. Il numero 66 di Kawasaki rispose alla grande ad ogni attacco del compagno di team e vinse in volata, ci fu bisogno del replay per capire che dei due fosse riuscito a tagliare il traguardo per primo. Dietro Sykes e Rea, a completare il podio, trovammo un Chaz Davies che cercò d interpretare il ruolo del terzo in comodo, e dopo alcuni tentativi di sorpasso, si dovette rassegnare a una ottima terza piazza. Quarto posto per Michael Van Der Mark, vero protagonista dell’inizio della stagione. Questa gara fu uno dei primi ed entusiasmanti duelli che ci hanno accompagnato durante la stagione 2016, un capitolo importante nel dualismo Rea-Sykes, vinto da quest’ultimo. Sicuramente la gara più emozionante e combattuta di tutto il campionato.