Le Pagelle della MotoGP. Assen 2007

Le Pagelle della MotoGP

da , il

    Valentino ROSSI: 10 e lode

    Supremo. Quando Vale c’è e la moto lo assiste, c’è solo da imparare da lui. Senza parole. Vale c’è!

    Casey STONER: 9,5

    Battuto. Ha guidato in modo perfetto, ma ha sperimentato adesso che, quando la Yamaha va, non c’è nessuno che possa battere Rossi. Bravo, anche in staccata. Ottimo. Ma per raggiungere Rossi c’è ancora molta strada da fare, a prescindere da ogni risultato.

    Nicky HAYDEN: 7/8

    L’Atteso. Quasi come una carta dei Tarocchi. Voto di incoraggiamento. Scomparso per circa 8 gare dopo un Titolo 2006 conquistato più per costanza che per talento, Nicky Hayden prova a risorgere. Lo fa in una giornata di spettacolo all’ennesima potenza, e forse è anche questo il valore aggiunto della sua prestazione. Ma, a guardare i primi due, il distacco del pilota americano è enorme. Come stile di guida, come potenzialità, come tutto. Può capitare di vincere un Mondiale. Ma per battere veramente Ducati-Stoner e/o Valentino c’è ancora tanto da imparare. O, in alternativa, invocare quel dio chiamato Talento. Da confermare.

    Daniel PEDROSA: 7 – - -

    In medio Virtus. Punticini a casa li porta il giovane pilotino di Sabadell, peccato che non riesca praticamente mai a lottare per la vittoria. Il gap è troppo. Pensando al prossimo anno, se sale Lorenzo…ahi ahi ahi! Dolorante (già da adesso).

    John HOPKINS: 7 + + +

    Costante. Ha meno coccole di Pedrosa, ma ha un rendimento maggiore. L’abbiamo già detto e lo ripetiamo. Bravo John e brava Suzuki, questa è la strada giusta. Complimenti

    Colin EDWARDS: 7 – - -

    Arrivato. E questa volta, non alla frutta. La moto si guida bene e Colin prova a stare nelle prime posizioni. Si arrende ad Hayden, Pedrosa e Hopkins, ed è un peccato. Ma questa volta, rispetto ai suoi standard 2007, possiamo quasi ritenerci soddisfatti. Forza e coraggio!

    Alex BARROS: 7 – -

    Presente. Non brillantissimo, però il brasiliano, anche questa volta, fa la sua figura. Sempreverde.

    Alex HOFMANN: 6,5

    Folgorato. Dopo la via di Donington, Alex ha trovato il circuito di Assen. Competere con i primi è lontanissimo dalle possibilità sue e della sua moto, ma la prestazione non è poi malvagia.

    Anthony WEST: 6,5

    Fresco. Di debutto. Il ragazzo ha già capito dove mettere le ruote. In questo periodo, fondamentale. Avrà già imboccato la retta via? Intanto, bravo.

    Marco MELANDRI: 6

    Sufficiente. D Marco ci si aspetta di più. Alla prossima.

    Carlos CHECA: 6

    Ni. Se la gioca con Melandri, anche per il morale. La frustrazione di avere una moto inferiore si mixa con la necessità non soddisfatta di trovare un nuovo spirito con cui correre. Forza e coraggio, siamo solo a metà campionato!

    Shinja NAKANO, : 5/6

    Migliorato. Piano piano si arriva. E stavolta, Shinja prova anche a giocare in bagarre. Guizzi di resurrezione? In bocca al lupo!

    Makoto TAMADA, Sylvain GUINTOLI: 5,5

    Mumble Mumble… riproviamo alla prossima gara.

    Kurtis ROBERTS: 6 – - – - -

    Patimento. Soffre, soffre, soffre la moto del babbo, ma non si può fare molto. Lo spirito, comunque, è quello giusto. Incoraggiante.

    Chris Vermeulen: 5

    Mumble Mumble… si può daaaaaaaaaaaare di più! Senza essere eroi.

    DUCATI: 9

    Sbacchettamenti anomali e flop di benzina a fine gara. Achtung.

    Anche se la Ducati 2007 ha, comunque, di che essere contenta. Avanti così.

    YAMAHA: 9,5

    Stavolta la moto di Vale andava benone. E si è visto il risultato. Avanti così, anche per la Yamaha.

    HONDA: 6,5

    Meglio che le altre volte. Ma siamo comunque lontani dalle altre. Ritenta, sarai più fortunata.

    SUZUKI: 8

    Lontana da Ducati e Yamaha, ma comunque ci prova (e ci riesce). Bravi!

    KAWASAKI: 7

    Peccato per l’uscita di scena di De Puniet.

    TEAM ROBERTS: 6

    Bah…

    ILMOR, TECH 3: sv

    NO.