Lewis Hamilton: grandi ricordi a Melbourne

Lewis Hamilton: parla dei suoi ricordi a Melbourne e spiega di averne di ottimi in quella che è stata la sua prima gara della sua storia in formula 1 e dove ha rischiato già di beffare fernando alonso poi finito davanti

da , il

    Lewis Hamilton: grandi ricordi a Melbourne

    A fare la stessa domanda ad Heikki Kovalainen, si hanno ben altre risposte. Lewis Hamilton, a differenza del suo compagno di squadra, infatti, partì alla grande subito. Eravamo a Melbourne quando il nome del pilota McLaren cominciò ad essere pronunciato anche dai meno esperti, gli unici – a dirla tutta – che restarono stupiti.

    I dubbi sul conto del pilota anglocaraibico erano pochi sin dalla vigilia. Al massimo qualcuno poteva pensare che il ragazzo potesse commettere qualche errore, ma così non andò ed alla bandiera a scacchi Hamilton aveva già portato a casa il suo primo podio e i suoi primi giri in testa ad una gara di Formula 1.

    ASPETTATIVE o OBIETTIVI? – “Non mi pongo aspettative, semmai penso agli obiettivi e qualli sono chiari tanto i miei quanto quelli del team: vincere più gare possibili e fare meglio dello scorso anno. Vorrei concludere tutte le gare. Lo scorso anno aveva una grande detarminazione e qualcuno dice che mi vede più calmo quest’anno. In realtà mi sto risparmiando per dare tutto in gara. Già da Melbourne voglio migliorarmi, per cui devo lavorare duramente per vincere”.

    RICORDI dall’AUSTRALIA - “Il miglior ricordo che ho è quello della prima curva. E’ stata una grande emozione essere lì. Poi sono salito sul podio finendo molto vicino alla seconda posizione. Ricordo che su di me c’erano molte aspettative ed io sono stato bravo a restare concentrato facendo un grande risultato”.

    SENSAZIONI POSITIVE – “Sono ottimista perché siamo migliorati in tutti i settori: siamo più veloci e persino più affidabili. Nonostante non ci siano più gli aiuti elettronici andiamo meglio del 2007. Abbiamo fatto molta strada e credo che si vedranno da subito i risultati”.

    HEIKKI KOVALAINEN – Come anticipato, Heikki Kovalainen, a differenza di Hamilton, si è rivelato molto più cauto nelle previsioni:“Credo l’importante sia stare calmo e cercare che interferenze esterne non mi disturbino. So che c’è molta attenzione su di me ma dovrò cercare di concentrarmi solo sul lavoro con ingegneri e meccanici”.