Lewis Hamilton ha poca voglia di lavorare?

Lewis Hamilton ha poca voglia di lavorare secondo quelli che gli sono stati vicini lui è un pilota che pèreferisce sfruttare il lavoro dei tecnici e degli altri compagni di squadra per poi andare in pista e fare il fenomeno

da , il

    Lewis Hamilton ha poca voglia di lavorare?

    Complice il clima festaiolo, Lewis Hamilton ha fatto sapere che, in vista della stagione 2008, non ha nessuna intenzione di fare un programma di lavoro intensivo come gli è successo l’anno precedente. La sua strategia è quella di rilassarsi e lasciare il lavoro “sporco” ai collaudatori.

    “Lo scorso anno non sono mai mancato neanche ad una sessione di test insieme a De La Rosa e Alonso – ha spiegato il vicecampione del mondo al Daily MailQuest’anno, invece, penso di non averne bisogno. Ritengo che per me sia più importante passare del tempo con la mia famiglia e se proprio ci sarà bisogno di me, potrò intervenire in videoconferenza dopo ogni giornata di test”.

    Hamilton probabilmente non avrà bisogno di imparare più nulla e un po’ di relax potrà portargli sicuramente dei giovamenti. Inoltre, senza un Alonso come coinquilino di box, la vita sembra talmente facile che conviene stare comodi e rilassati al calduccio di casa. Insomma, il suo ragionamento non fa una piega.

    Il pilota della McLaren, però, potrebbe anche considerare che il suo possa essere d’aiuto alla squadra. Lasciare lo sviluppo a De la Rosa ed al nuovo arrivato Kovalainen potrebbe essere un grave errore strategico.

    Evitiamo comunque di fare un processo alle intenzioni e, prima di giudicare, vediamo come si evolveranno i fatti. Per il bene di Ron Dennis e soci, non vorremmo che Hamilton proseguisse nel suo atteggiamento che, da quel che ci risulta, sin dai tempi del kart lo ha portato a snobbare la messa a punto della vettura.

    Va sottolineato, però, che in F1 – più che in qualsiasi altra categoria – sono i dettagli a fare la differenza e Hamilton dovrebbe sapere che è sul fronte delle sue doti da collaudatore che si sommano le obiezioni di chi ha ancora qualcosa da ridire sul suo conto. Rimboccarsi le maniche, in questo senso, sarebbe una gran bella risposta…