Lewis Hamilton non si ferma: “Ne voglio 3!”

Lewis Hamilton ricorda a Ron Dennis la scommessa

da , il

    E’ solo mercoledì. E Lewis Hamilton sembra aver già voltato pagina dopo l’incredibile GP del Brasile che domenica scorsa gli ha regalato il primo titolo mondiale in Formula 1. Il pilota della McLaren, infatti, individua subito obiettivi futuri:“Voglio raggiungere al più presto i 3 titoli mondiali”

    LA SCOMMESSA. 3 titoli mondiali è la quota stabilita con Ron Dennis in una scommessa fatta tempo addietro. “In palio c’è una vettura fantastica, la McLaren F1 LM” – spiega un Hamilton forse distratto e inconsapevole che con i soldi che sta incamerando se ne potrà far creare a bizzeffe di quelle macchine. “Penso a questo come obiettivo e non mi interessano altri record. – prosegue l’anglocaraibico – Schumacher? Sette titoli sono troppo lontani al momento…

    VERSIONI DISCORDANTI. Se nel 2007 imperò per mesi il tormentone sulle cause del black-out momentaneo avuto dalla McLaren di Hamilton (errore del pilota o guasto elletronico?), nel finale di questa stagione regna il caso Glock. Non vogliamo tornare a dare credito alla teoria del complotto. Piuttosto, facciamo notare come siano uscite fuori dal box di Woking due versioni discordanti. Nella prima, a caldo, si parlava letteralmente di panico e di miracolo. Nella seconda, a bocce ferme, il team rappresentato da Martin Whitmarsh tira fuori una sicumera di ben altro spessore:“Non eravamo preoccupati per essere stati passati da Vettel perché noi facevamo la corsa su Glock. Sapevamo che aveva gomme da asciutto e che quindi avrebbe avuto dei problemi nell’ultimo giro per cui abbiamo detto a Lewis di stare calmo mentre noi controllavamo gli intertempi…” Così va la storia: alla fine la scrivono sempre i vincitori.

    RON DENNIS LASCIA? Proprio Martin Whitmarsh, storico vice di Dennis, sembra finalmente pronto per la successione. Il boss della McLaren avrebbe mollato il timone già lo scorso anno se non fosse stato risucchiato nel drammatico vortice della spy story. L’obiettivo è stato raggiunto adesso: voleva lasciare e voleva farlo da vincente:“Mi vedrete ancora ai GP perché sono troppo importanti per me. Certamente, però, cercherò di ridefinire il mio ruolo per dedicarmi ad altro.” Il sogno segreto di Dennis è battere la Ferrari, anche nella produzione di vetture serie. Sarà per questo che Hamilton (vedi sopra) sta pubblicizzando la McLaren F1 LM come vettura dei sogni?

    HAMILTON IN FERRARI. Difficile da vedersi realizzata, l’idea è affascinante. A promuoverla ci pensa Eddie Irvine, britannico ed ex-ferrarista, il quale rappresenta il punto d’unione tra la scuderia di Maranello ed il nuovo campione del mondo che, comunque vadano le cose, sarà legato alla McLaren fino al 2012. “Potrà fare quel che vuole in McLaren, ma ad un certo punto dovrà passare in Ferrari – sentenzia il vice-campione del mondo del 1999 – io ci sono stato. E posso dire che lì si vive un’atmosfera unica. E’ una squadra completamente diversa da tutte le altre”.

    Foto: gpupdate