Lewis Hamilton: sarò prima guida in McLaren

Lewis Hamilton si proclama prima guida McLaren per la stagione 2008

da , il

    Lewis Hamilton: sono io la prima guida McLaren

    Lewis Hamilton parla alla BBC e non nasconde la sicurezza nei propri mezzi:“Il prossimo anno sarà fantastico per me. Sarò io il leader della squadra e credo e spero di essere all’altezza di questo ruolo!”

    Da cosa deriva questa presunzione?

    Solo qualche giorno fa spiegava di sentirsi molto rilassato e che, a differenza del 2007, non credeva fosse indispensabile intervenire massivamente durante le fasi invernali di sviluppo della vettura.

    La vera differenza tra vecchio il basso profilo e il nuovo sprezzante Hamilton, a mio avviso, sta in due aspetti fondamentali. La brillante stagione 2007, innanzitutto, ha dato al pilota McLaren una convinzione unica nei propri mezzi. Il mondo della F1 è già ai suoi piedi e lui non si è già vergognato di ammettere robe del tipo “il mio obiettivo vero è battere tutti i recordi di Michael Schumacher”.

    Un secondo aspetto, e qui andiamo dritti alle recenti dichiarazioni rilasciate all’emittente inglese, è l’assenza di Alonso.

    Orfano di un partner come lo spagnolo, la vita nel box sarà molto molto più tranquilla. Hamilton lo sa perfettamente

    Senza nulla togliere all’onesto Kovalainen, per stare davanti ad un fenomeno come il vicecampione del mondo 2007 ci vuole qualcosa d’altro.

    Essere il leader di una squadra, però, non vuol dire solo avere maggiori attenzioni e potersi scegliere le strategie migliori. Vuol dire farsi carico di un’enorme mole di responsabilità e di scelte sia in pista che fuori, sia nei weekend di gara che in fabbrica e nei test.

    Stia attento quindi il rookie dell’anno. Non si senta già arrivato. Gli esami non sono finiti. Semmai, sono appena cominciati.