Lorenzo-Ducati, è ufficiale: Yamaha assicura pieno appoggio allo spagnolo sino a fine stagione

da , il

    Lorenzo-Ducati, è ufficiale: Yamaha assicura pieno appoggio allo spagnolo sino a fine stagione

    Era nell’aria, oggi è diventato ufficiale: Jorge Lorenzo passa alla Ducati, lasciando la Yamaha dal 2017. Una scelta non certo facile, un connubio vincente che si scioglie dopo anni di successi e tre titoli mondiali conquistati. Non c’era più spazio per Por Fuera però in Yamaha, soprattutto dopo il rinnovo a sorpresa di Valentino Rossi a inizio anno. La squadra si è schierata col Dottore, e così Jorge ha fatto le valigie e se ne è andato. Però rimangono ancora mesi di convivenza, mesi dove Lorenzo e Yamaha dovranno cercare di andare d’accordo, magari per tentare di vincere l’ennesimo mondiale. La squadra giapponese, tramite un comunicato ufficiale, ha dichiarato pieno supporto al pilota spagnolo sino a scadenza contrattuale.

    LEGGI ANCHE: quanto conosci Jorge Lorenzo? Fai il quiz!

    Il comunicato di Yamaha

    “Yamaha Motor Co., Ltd. annuncia che la sua partnership con Jorge Lorenzo sarà interrotta alla fine della stagione MotoGP 2016, quando Lorenzo passerà a nuove sfide con altre case. Dal momento che Lorenzo si è unito al Team Yamaha Factory Racing nel 2008, Lorenzo e Yamaha hanno vinto tre campionati del mondo MotoGP (2010, 2012 e 2015), ha conquistato 41 vittorie e sono stati sul podio 99 volte su 141 gare disputate.

    Yamaha è estremamente grata per i contributi di Jorge ai suoi successi sportivi e non vede l’ora di condividere i momenti più memorabili durante i restanti 15 giri di MotoGP 2016, la nona stagione insieme.

    Yamaha Motor Co., Ltd. augura a Lorenzo il meglio nelle sue attività future nelle corse e ribadisce il pieno sostegno della squadra Movistar Yamaha MotoGP sulla sua campagna per raggiungere il suo quarto titolo della MotoGP.

    Avendo già confermato Valentino Rossi per il 2017-18, la Yamaha annuncerà il secondo pilota del Team Movistar Yamaha MotoGP a tempo debito, dopo essersi assicurato i servizi del secondo pilota.”